Per promuovere l’utilizzo dell’acqua pubblica e contribuire a una città plastic free, è iniziata questa mattina la consegna delle borracce del Comune di Bologna alle bambine e ai bambini delle scuole dell’infanzia e primarie della città, distribuzione che si concluderà entro il mese di febbraio 2021.
L’acquisto di 20 mila borracce è stato reso possibile grazie alle risorse del Fondo interministeriale per le mense biologiche, destinato a progetti di educazione alla sostenibilità, che il Comune di Bologna si è aggiudicato per il secondo anno consecutivo.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Good for Food” gestito da Fondazione Golinelli e nel solco della promozione di sani stili di vita e di tutela della salute e dell’ambiente che il Comune incentiva assieme al gestore del servizio di refezione scolastica Ribò Camst group.
Inoltre, anche la collaborazione dei genitori che si sono impegnati per ottenere quote di biologico ormai prossime al 100% nella refezione scolastica, ha contribuito al raggiungimento di questo importante risultato.

L’educazione al plastic free: distribuzione e informazione

Nel mese di dicembre le borracce saranno distribuite in quaranta scuole: i primi a riceverle questa mattina sono stati i bambini delle scuole primarie Bottego, Longhena, Cremonini Ongaro e Don Marella.
Poche ore fa, infatti, l’assessora alla Scuola Susanna Zaccaria e il presidente del quartiere Navile Daniele Ara si sono recati presso le scuole Bottego, assieme alla dirigente Luciana Stravato. «Questa distribuzione ha consentito non solo una riflessione, come ci hanno raccontato le insegnanti, sul tema del plastic free che sappiamo essere fondamentale, ma anche un’occasione per parlare ai bambini e alle bambine dell’amministrazione comunale, del perché avveniva questo regalo, un insieme di elementi che ci fanno capire che dobbiamo assolutamente continuare con queste azioni anche in momenti difficili come questo», afferma Zaccaria, aggiungendo che «è passato proprio il messaggio che non fosse un regalo fine a se stesso, ma fosse un’occasione, un pretesto per affrontare temi importanti».

Anche in questo periodo di pandemia, dunque, il Comune intende portare avanti iniziative ed azioni concrete per stimolare e supportare buone abitudini e gesti quotidiani individuali e collettivi, seguendo tutti i protocolli di sicurezza indicati da Ausl di Bologna.
Infatti, la fornitura di borracce sarà abbinata ad azioni educative per sensibilizzare i bambini e le famiglie verso le tematiche della corretta alimentazione e della sostenibilità ambientale, oltre che al corretto utilizzo sull’uso delle borracce, tutto nell’ambito di “Good for Food”, progetto «che parte dal principio che lo strumento migliore per dare ai giovani una maggiore consapevolezza e coltivare quel senso di responsabilità verso ciò che li circonda è proprio la cultura, l’informazione corretta, la didattica e la formazione», afferma Eugenia Ferrara, responsabile attività istituzionali di Fondazione Golinelli.

Oltre a presidi presso le scuole, fondazione Golinelli propone anche due eventi gratuiti per adulti e bambini sul tema dell’acqua. Il primo, “Game online: l’importanza di una goccia”, si terrà lunedì 14 dicembre dalle 17.15 alle 18 e permetterà, attraverso un gioco a quiz gratuito con il giornalista e divulgatore scientifico Andrea Vico, di accompagnare i più piccoli in un viaggio alla scoperta di aneddoti scientifici, curiosità e storie che permettono di comprendere quanto l’acqua sia un bene prezioso e come, con piccoli grandi gesti quotidiani, ciascuno di noi possa contribuire a dare vita a un cambiamento.
Il secondo, “Food conversation: oro blu, tra spreco e scarsità”, avrà luogo martedì 15 dicembre dalle 17.30 alle 18.30 e vedrà come ospite la giurista ambientale Erika Solimeo.

Rosarianna Romano

ASCOLTA LE PAROLE DI SUSANNA ZACCARIA:

Articolo precedenteCircoli Rifugio, nessuno in strada con Arci e Istituto Buddista Soka Gakkai
Articolo successivoUn marchio comunale: la leva di Coalizione Civica per la dignità del lavoro