Oggi si celebra la Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. I dati sull’Italia non sono confortanti, mentre in Emilia Romagna e a Bologna vanno meglio. Bologna è una città a misura di bambino? Ecco cosa ne pensano i cittadini.

Diritti dei bambini: lo stato delle cose

Oggi, 20 novembre, si celebra la Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Leggendo i dati dell’Atlante “Bambini senza” di Save The Children, però, in Italia non c’è molto da festeggiare. Un dato su tutti: un bambino su 20, nel nostro Paese, non può permettersi due paia di scarpe all’anno. In Emilia Romagna, però, le cose vanno meglio che nel resto del Paese. A Bologna la spesa pubblica procapite per un bambino è di 350 euro, mentre a Vibo Valentia di appena 8 euro. Bologna, quindi, è una città a misura di bambino? La nostra Valeria Paci lo ha chiesto ai cittadini.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61