Inaugura a Palazzo Boncompagni una significativa selezione di 24 opere del grande artista Marino Marini, a più di dieci anni dall’esposizione al Museo Civico Archeologico. Cavalieri e cavalli a Palazzo, a cura della Fondazione Marino Marini di Pistoia e organizzata da Palazzo Boncompagni, sarà aperta al pubblico dal 26 febbraio al 15 maggio 2022 in via del Monte 8, con orari dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30.

Marino Marini: cavalieri e cavalli a Palazzo

In mostra 24 opere –23 di proprietà della Fondazione e una scultura in gesso proveniente dalla collezione privata Toninelli –, realizzate dal 1939 al 1963 e dedicate ad uno dei temi più cari all’artista, quello dei cavalieri e dei cavalli, che l’hanno reso famoso nel mondo, come il superbo L’angelo della città che, affacciato sul Canal Grande, accoglie i visitatori al Museo Peggy Guggenheim di Venezia. Insieme alle 18 sculture sono esposte anche 6 grandi opere pittoriche, a testimonianza della qualità del pennello di Marino Marini.

La mostra è accompagnata da un catalogo con le fotografie delle opere riprese nell’ambiente, testi e un corredo di immagini d’epoca dagli scatti generosamente concessi da Aurelio Amendola, grande fotografo di artisti e amico e concittadino di Marino Marini.

Questa di Marino Marini è la seconda mostra organizzata da Palazzo Boncompagni che prosegue nel suo intento di approfondire l’opera di artisti contemporanei per arricchire ulteriormente l’offerta espositiva della città, offrendo ai bolognesi, e non solo, anche l’occasione di scoprire e visitare uno dei più bei palazzi rinascimentali del centro storico normalmente non accessibile al pubblico. La mostra Cavalieri e Cavalli a Palazzo rientrerà nella decima edizione di ART CITY Bologna, dal 12 al 15 maggio 2022; in questi giorni l’orario di apertura sarà continuato, dalle 11.00 alle 19.00 e sabato 14 maggio per la ART CITY White Night dalle 12.00 alle 20.00.

ASCOLTA L’INTERVISTA A CARLO FERDINANDO CARLACINI:

Articolo precedenteCon l’attacco russo è cominciata la guerra in Ucraina
Articolo successivoSenza titolo di viaggio. Storie e canzoni dal margine dei generi