La Bitcoinizzazione di Jordan Peterson è iniziata. Il famoso psicologo e personaggio popolare sui media ha ospitato un politico canadese nel suo podcast e non ha potuto fare a meno di toccare l’argomento. E Maxime Bernier era proprio lì con lui, il che ha portato a una breve discussione sull’economia austriaca. Anche se sia Peterson che Bernier sono figure controverse, sono il più mainstream possibile.

Non sono Bitcoiners che predicano

Come se stesse camminando in un campo minato, Jordan Peterson ha affrontato l’argomento con attenzione e in modo non comitale:

I tipi di criptovaluta. Sai? Le persone che stanno spingendo Bitcoin in particolare, fanno l’affermazione straordinariamente radicale che sarebbe meglio per tutti se l’intero business del denaro fosse tolto permanentemente dalle mani del governo. Ed è essenzialmente ciò che consente Bitcoin. Almeno in questo momento”.

Sorprendentemente per tutti coloro che non hanno familiarità con il politico, Maxime Bernier è d’accordo e mostra le sue credenziali di economia austriaca. Peterson segue le briciole di pane e glielo chiede, Bernier risponde:

Credo, sì. I cicli che abbiamo, gli alti e bassi dell’economia, sono dovuti alla Banca Centrale. Il denaro è ovunque e se crei troppi soldi dal nulla, avrai inflazione. E distorsione nell’economia. E il boom e il crollo che abbiamo. Quindi, sono d’accordo al 100% con Mises, Rothbard, Hayek e questi economisti”.

Nel corso dell’intervista, non è stato fatto alcun cenno al sito web ufficiale di Bitcoin Profit, che è molto chiacchierato al momento e sta diventando ugualmente mainstream, grazie agli ottimi profitti che sta generando per migliaia di utenti in tutto il mondo.

Allora, chi è Maxime Bernier?

Nel riquadro delle informazioni del video, il team di Jordan Peterson informa:

“In questo episodio, il dottor Peterson è affiancato dall’onorevole Maxime Bernier, leader del Partito popolare del Canada (PPC), ex deputato di Beauce (2006-2019) e candidato alla carica di Primo ministro del Canada”.

Nel 2017, Maxime Bernier ha cercato di conquistare la testa del partito conservatore. Ha fallito. L’anno successivo, lo hanno rimosso dal gabinetto ombra dell’opposizione ufficiale. Nello stesso anno fondò il Partito Popolare del Canada. Nel 2019, il nuovo partito non è andato molto bene, ma, nel 2021, il Partito popolare del Canada è improvvisamente sul radar di tutti.

Il National Post spiega il motivo principale:

“Con l’aumento delle proteste contro le misure di sanità pubblica COVID-19, Bernier ha attinto a un profondo risentimento per il modo in cui i canadesi hanno dovuto vivere negli ultimi 18 mesi e timori su come saranno i prossimi mesi”.

A quanto pare, il People’s Party of Canada è in rotta per ottenere il 6% nelle prossime elezioni canadesi. Se accadrà, diventeranno una delle maggiori forze politiche del paese. Il Washington Post spiega la situazione:

Il sei percento non è una cifra impressionante di per sé, ed è probabile che il partito non ottenga un solo seggio parlamentare. Eppure il Partito dei Verdi ha vinto zero seggi e il 4,3 per cento del voto popolare nelle elezioni generali del 2004 ed è stato tuttavia rapidamente istituzionalizzato dai media. Proclamato uno dei “grandi partiti” del Canada.

Cosa pensa Jordan Peterson di Bitcoin?

Lo psicologo canadese ha imparato dai migliori. Aveva quattro delle menti più brillanti nello spazio Bitcoin che gli spiegavano tutto, e ne ha ottenuto la maggior parte al primo tentativo.

Dopo aver ascoltato attentamente, Peterson sintetizza quelle idee in una citazione per i secoli.

“Qualsiasi energia venga spesa nella produzione di Bitcoin e nella manutenzione del sistema dovrebbe essere più che compensata dalla maggiore efficienza di ogni sistema che utilizza Bitcoin come dispositivo transazionale”.

Boom! Se lo teniamo in considerazione: “Ci sarà un guadagno netto di energia e non una perdita netta di energia se lo si calcola sull’intero sistema”.

Quella conversazione ha scatenato quella di Maxime Bernier. Una delle più grandi star del Canada che parla di Bitcoin in buona luce con un importante candidato politico. Chi l’avrebbe mai detto?

Articolo precedenteCon le terze dosi i Paesi ricchi “scippano” vaccini e si espongono a rischi
Articolo successivoSome Prefer Cake: tornano le vite ribelli del cinema lesbico