INCONTRI

TPO, via Casarini 17/5, ore 18.30: Controllo e punizione: la rivoluzione in Tunisia dopo 5 anni
Cosa ne è, dopo 5 anni, della rivoluzione in Tunisia? Uno sguardo su Sidi Bouzid, una delle regioni più povere della Tunisia, luogo in cui è scaturita la rivoluzione del 2010-2011 e che ha una lunga storia di resistenza. Controlling and Punishment è un ritratto sensibile di Sidi Bouzid, dipinto attraverso la coscienza politica profondamente radicata e tagliente dei suoi abitanti. Ne parliamo con: Ridha Tilli: regista e segretario generale dell’associazione dei cineasti tunisini e Alessandro Vanoli: storico del Mediterraneo e scrittore.

SALABORSA, Piazza del Nettuno, ore 10.00: “SERENDIPITY: I VOLTI DE CAMMINO”.
Mostra fotografica sul cammino di Santiago in piazza coperta.
Serendipity è un progetto di fotografia ritrattistica di strada firmato dal fotoreporter toscano Tommaso Pini, e ispirato dalle persone da lui incontrare sul Cammino per Santiago de Compostela. Attraverso la fotografia, l’autore ha voluto cogliere il senso del Cammino sui volti dei pellegrini.

SALABORSA, Piazza del Nettuno, ore 17.30: I RACCONTI DELL’ARTE.
Due incontri su Frida Kahlo, Diego Rivera e la scuola messicana a cura di Arthemisia.


MUSICA

BRAVO CAFFE’, via Mascarella 1, ore 22.15: AZYMUTH THE NEW ALBUM “FENIX”.
Azymuth are back! La leggendaria band brasiliana è ormai di casa al Bravo Caffè dove farà tappa in occasione del serratissimo tour europeo di presentazione del nuovo lavoro discografico “Fenix”. L’album, che arriva dopo cinque anni dall’ultimo, ricrea la fantastica energia del periodo d’oro degli anni ’70 , quello che diede agli Azymuth un riconoscimento internazionale.

CANTINA BENTIVOGLIO, via Mascarella 4/b, ore 21.00: THE SWINGING CATS TUESDAYS.
Davide Brillante chitarra, Matteo Raggi sax tenore, Fabio Tuminelli c.basso.

TEATRO

TEATRI DI VITA, via Emilia Ponente 485, ore 21.00: SABATO ITALIANO.
L’unico tentativo cinematografico di Tondelli andato in porto, sia pure dopo la morte: il film Sabato italiano, co-sceneggiato con il regista Luciano Manuzzi, che prende linfa dalle atmosfere raccontate nel romanzo “Rimini” e si concentra in particolare sulle famigerate “stragi del sabato sera”, attraverso tre storie intrecciate nella gaudente Romagna notturna.

ITC TEATRO, via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena (BO), ore 21.00: LA MAGNIFICA ILLUSIONE.
C’era una volta una storia che per raccontarla ci volevano tre storie: la storia di un bimbo che scappa dalla guerra, la storia di una ragazzina e del suo cubo pieno di enigmi e la storia di un sogno dentro il quale tutte queste storie finiscono con tutti che vissero felici e contenti. Uno spettacolo che tenta la difficile via di parlare tanto a un pubblico adulto quanto a bambine e bambini, tanto a spettatori esperti quanto a chi non è mai entrato a teatro, grazie a un linguaggio che unisce teatro di figura e video mapping, teatro d’attore e di impegno civile.


LETTERATURA

LIBRERIA TRAME, Sala ex Refettorio Istituto Storico Parri in Via Sant’Isaia 20, ore 17.30: EMILIO FRANZINI.
Nell’ambito dell’undicesima edizione del Festival “La violenza illustrata, per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, viene discusso il libro di Franzini “Casini di guerra. Le “Case del Soldato” e i postriboli militari nella I guerra mondiale”, edito da Gaspari Editori nel 1999.

MODO INFOSHOP,  via Mascarella 24/b, ore 21.00: AZ – STORIE CORTE, STORIE INFINITE.
Un libro di racconti illustrati con letture di Guido Casamichiela, Alberto Calorosi e altri. La storia di chi vide che l’unica cosa che si può avere sotto controllo è la certezza di non poter avere niente sotto controllo.

LIBRERIE COOP. ZANICHELLI, Piazza Galvani 1, ore 18.00: Officina della Poesia: PRESENTAZIONE DELLE RIVISTE “ATELIER”E “STUDI ITALIANI”.
Presentazione delle riviste “Atelier”e “Studi Italiani” con Guido Mattia Gallerani e Simone Magherini.

LIBRERIE COOP. AMBASCIATORI, via Orefici 19, ore 18.00: INCONTRO CON CHIARA RAPACCINI.
In occasione dell’uscita del suo libro BAIRES (Fazi). Ne parlano con l’autrice Silvia Evangelisti ed Emanuela Giampaoli.
Un romanzo autobiografico, sensuale, femminile e pieno d’atmosfera, che narra la perdita di sè e le conseguenti disavventure di una donna in crisi. Il racconto si dipana tra Buenos Aires, la provincia argentina e Roma. Perdendosi nelle strade affollate e attraversando lande desolate tra Uruguay e Paranà, incontra la magia attraverso le mani di una sciamana, in un confronto a metà tra sogno e veglia, Frida finalmente ritroverà se stessa.

MEDIATICA GATEWAY, via San Petronio Vecchio 33/b, ore 19.00: “L’ULTIMO MARX 1881-1883”.
Una biografia intellettuale in forma di saggio è l’ultima di una serie di opere che Marcello Musto dedica alla figura e al pensiero del Moro. Attraverso l’analisi di alcuni manoscritti, ancora inediti o poco conosciuti, Musto ci permette di sfatare la leggenda di un Marx inoperoso negli ultimi anni della sua vita, restituendoci l’immagine di un intellettuale infaticabile che non cessò mai le sue ricerche volte alla critica del sistema capitalistico.


CINEMA

CINEMA LUMIERE, via Azzo Gardino 65: Sala Scorsese FAI BEI SOGNI (17.30, 20.00, 22.30), Sala Cervi LA RAGAZZA DEL MONDO (17.30, 20.45, 22.30), Sala Mastroianni LA MORTE CORRE SUL FIUME (20.30, 22.15), Sala Cervi FREAKS (19.30).

CENTRI SOCIALI

FACOLTA’ DI SCIENZE POLITICHE, Strada Maggiore 45, ore 16.30: Sfide della Transizione Mediatica e Movimenti Sociali in Tunisia.
All’interno del ciclo Trasformazioni e Immaginari del Mediterraneo parliamo con Debora del Pistoia, responsabile per l’ong Cospe in Tunisia.

VAG61, via Paolo Fabbri 110, ore 18.00: QUALCHEMARTEDI’.
Dopo qualche settimane di pausa, il tradizionale appuntamento settimanale lascia il posto ad un calendario senza cadenza fissa, che seguirà il ritmo delle iniziative che man mano troveranno posto nella programmazione più complessiva di Vag61. Non tutti i martedì, dunque, ma Qualchemartedì. di volta in volta ci saranno aperitivi sociali e cene benefit, proiezioni, presentazioni, musica, mostre, conversazioni.






Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61