Si avvia ufficialmente a conclusione la Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico in corso a Varsavia. Le Ong hanno abbandonato questa mattina i lavori, in polemica con l’evidente inconcludenza della conferenza.

Conferenza sul Clima: Fuori WWF ed Oxfam

Si concluderà domani la Cop 19, la diciannovesima Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, che ha avuto come sede Varsavia. Una Cop definita della Climate Finance, viste le implicazioni per il 2015.

Questa mattina, le Ong presenti (tra le altre, WWf, Greenpeace e Oxfam) hanno abbandonato i lavori in polemica con l’inconcludenza dimostrata dalle parti, rispetto al raggiungimento di obiettivi verso la riduzione delle emissioni.
Una conferenza per lunghi tratti interlocutoria, che ha dimostrato come le trattative siano ancora in alto mare in attesa della scadenza fissata del 2015.

Tra i temi in discussione, l’ipotesi di destinare i fondi finora promessi per strategie di resilienza in aiuti a breve termine, attraverso il “Loss anda Damage Mechanism”, per quei Paesi in cui i fenomeni atmosferici e climatici creano danni ingenti e ricorrenti a cui non ci si può adattare.

“Si comincia a lavorare sulle dichiarazioni sulla riduzione delle emissioni che i vari paesi dovranno sottoscrivere nel 2015” spiega Lou Del Bello, multimedia producer per SciDev.net

“La ratifica dell’impegno a ridurre le emissioni sta già creando problemi” per lo scambio di accuse tra paesi sviluppati e paesi che stanno avendo un rapido sviluppo partendo da una situazione di sottosviluppo. “Ci sono già ostruzionismi da tutte le parti coinvolte, -spiega la giornalista- quello che ci si aspetta di concreto è almeno una bozza sul meccanismo di compensazione, il che non basterà, perchè sicuramente ci si limiterà a delle linee guida molto generali.”

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61