Dal 15 giugno al 16 luglio si terrà al Parcheggio Nord dello Stadio Euganeo di Padova lo Sherwood Festival, all’insegna di musica, attivismo e sostenibilità.

Un mese di concerti e iniziative nel rispetto della Climate Justice e del #plasticfree

L’edizione 2022 di Sherwood Festival, festival indipendente che si tiene fin dai primi anni ‘90, si prepara ad essere una tappa essenziale per chi sarà dalle parti di Padova dal 15 giugno al 16 luglio. Un mese fittissimo di appuntamenti musicali e non, tra ospiti italiani e band internazionali: tra i nomi grossi del rap si esibiranno Noyz Narcos, Gemitaiz, Madman, Kaos One e altri ancora. Ma il programma non finisce certo qui: Caparezza, Lo Stato Sociale, Frah Quintale, Zen Circus e Subsonica, per citarne alcuni; c’è molta attesa anche per la superband formata da Cor Veleno + Tre Allegri Ragazzi Morti, che chiuderà il festival con il suo show il 16 luglio.

Tra i non italiani saranno sul palco gruppi rock affermati come Offspring e Skunk Anansie, rispettivamente il 22 e 30 giugno, oltre al musicista britannico Bitty McLean per il Reggae Day del 6 luglio.

Vi saranno giornate dedicate a incontri, talk, sport e fumetti indipendenti, coronate da Sherwood Buskers per artisti di strada il 10 luglio e la sfilata transfemminista sQUEERt prevista l’11 luglio.

Ma tra le novità più significative rispetto alle scorse edizioni vi saranno iniziative importanti sul fronte della sostenibilità ambientale: al centro di tutto vi è la campagna “Sherwood Forest for Climate Justice” per contrastare le emissioni di CO², composta di cinque iniziative fra le quali spicca la scelta da parte dell’organizzazione di optare per un festival completamente #plasticfree.

Per informazioni su programma completo del festival e prevendite: https://www.sherwoodfestival.it/

Per sostenere l’iniziativa “Sherwood Forest for Climate Justice”: https://www.sherwoodfestival.it/sherwood-changes-for-climate-justice/

ASCOLTA L’INTERVISTA A SHERWOOD FESTIVAL:

Articolo precedenteMeet the Docs! Film Fest: «Fare cinema è un atto politico»
Articolo successivoBologna Sport: ultimo chilometro