Agenti in tenuta antisommossa sollevano di peso uno a uno gli occupanti di Santa Insolvenza. Assemblea pubblica alle 18.00 davanti a Sala Borsa. I ragazzi: “L’Amministrazione usa due pesi e due misure e vuole dividere il movimento”.

L’annunciato sgombero dell’ex-cinema Arcobaleno, occupato venerdì scorso dai ragazzi di Santa Insolvenza, è arrivato questa mattina. Alle 6 gli agenti in tenuta anti-sommossa hanno fatto irruzione nello spazio in piazza Re Enzo e, di fronte alla resistenza passiva degli occupanti, hanno dovuto portarli fuori uno a uno sollevandoli di peso.
Dopo circa un’ora dall’inizio dell’operazione la serranda viene abbassata e i ragazzi, ormai in strada, improvvisano una conferenza stampa in cui viene lanciato l’appuntamento per oggi pomeriggio alle 18 davanti a Sala Borsa.

“È evidente che il Comune ha scelto di divedere il movimento – commenta Michele Barbolini, uno degli attivisti di Santa Insolvenza – usando due pesi e due misure e negando a noi qualsiasi trattativa”.
Il riferimento è a quanto accaduto ieri, quando il sindaco Virginio Merola ha incontrato i Draghi Ribelli, i ragazzi che hanno occupato l’ex mercato di via Clavature, ed ha concesso loro l’ex teatro San Leonardo, dove oggi si svolgerà un’assemblea.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoRevisionismo e negazionismo, quale Giornata della Memoria?