Si è tenuta ieri l’anteprima bolognese di Scialla, l’esordio alla regia dello sceneggiatore Francesco Bruni.

 

Dopo essersi essersi aggiudicato la vittoria a Controcampo italiano, sezione della Mostra del Cinema di Venezia, il film verrà da oggi distribuito in 250 copie su tutto il territorio italiano.

La partenza di Marina, madre del quindicenne protagonista, la spinge a rivelare al bravissimo Frabrizio Bentivogli, alias Bruno, di essere il padre di Luca (che a sua volta pensa di essere orfano). Caricato da questa improvvisa responsabilità, Bruno dovrà imparare a svolgere il suo ruolo di genitore e a rimettere in carreggiata questo ragazzo cresciuto senza la figura paterna.

Una commedia giovanile che si discosta di molto da quelle che eravamo abituati a vedere (e a dover dimenticare in fretta) negli ultimi anni.

In Scialla i personaggi sono ben caratterizzati e la sceneggiatura è ineccepibile. Insomma le competenze di Bruni-sceneggiatore emergono a pieno e sono una bella sorpresa. Con lui abbiamo parlato del film.

 

Ma in questa puntata di Paura in Palcoscenico parleremo anche di un documentario: Old Melodrama di Davide Rizzo. Poco più di un’ora in cui si racconta il legame che intercorre tra la Settima Arte e i testimoni degli eventi più importanti del XX secolo, con un raffronto con la realtà odierna delle sale cinematografiche e del cinema sotto le Due Torri.

Un documentario tutto bolognese a partire dalla produzione realizzata con una collaborazione tra la Maxman Coop, la Freim e la Elenfant. Degli aspetti organizzativi e del percorso di questo film abbiamo parlato con Pierluigi De Donno, uno dei produttori.