Le biblioteche di Bologna accolgono la sfida posta dalla crescente diversificazione della tipologia di utenti e dalle nuove richieste di cui si fanno portatori e rispondono con due novità: “prestito circolante” e nuova APPlicazione gratuita per smartphone, iPhone e iPad

Sono stati presentati ieri i servizi innovativi che le biblioteche di Bologna metteranno a disposizione dei lettori.
Un panorama di eccellenza quello offerto dal Sistema delle biblioteche di Bologna, in termini tanto di servizi offerti ai cittadini quanto di innovazioni a misura di un pubblico nuovo, portatore di esigenze diverse rispetto al passato.

L’assessore Ronchi ha parlato di un lavoro prezioso e in costante crescita che si sta svolgendo all’interno di un contesto che vede gli enti locali costetti a continui tagli e ridimensionamenti. Bologna è riuscita non solo a preservare il servizio bibliotecario, ma a potenziarlo, aggiornando ed ampliando la propria offerta. “Nell’immaginario collettivo si pensa che non si tratti di un servizio così apprezzato- ha spiegato il professor Angelo Varni, Presidente dell’Istituto per i Beni artistici, culturali della Regione Emilia-Romagna- ma i numeri parlano chiaro: una media di 6000 prestiti al giorno e di 2000 unità presenti ogni domenica in Sala Borsa, un’eccellenza a livello nazionale”.

NeL marzo 2012 il Presidente del Sistema bibliotecario d’Ateneo Prof. Fulvio Cammarano ha dato impulso a un tavolo di lavoro volto a coordinare le politiche bibliotecarie a livello cittadino, che in tre anni è riuscito a coinvolgere tutte le biblioteche ed istituzioni del territorio. Con l’avvio delle attività del Piano Strategico Metropolitano l’ambizione di dar vita ad un Sistema Bibliotecario Metropolitano è confluita nel progetto “Il sistema metropolitano delle biblioteche e degli archivi”, impegnato a rafforzare il coordinamento dello sviluppo delle raccolte ed integrazione dei servizi, valorizzare la dimensione sociale della biblioteca e razionalizzare tutto quello che rimane ancora d’ostacolo alla fruizione dei libri. Di granda portata innovativa la realizzazione di un modello di carta delle collezioni, che raccoglie le linee guida per la redazione e l’utilizzo della carta da proporre a tutte le biblioteche del Sistema.

Due i risultati più importanti raggiunti e presentati con orgoglio: l’istituzione del prestito circolante tra le biblioteche dell’Istituzione del Comune di Bologna e la creazione di una nuova applicazione gratuita per smartphone, iPad e iPhone. Grazie al servizio di “prestito circolante”, attivo già dallo scorso ottobre, sono i libri a viaggiare, non i lettori, i quali potranno ora richiedere in qualsiasi biblioteca dell’Istituzione il prestito di un volume posseduto da un’altra qualsiasi del comprensorio. La nuova app gratuita consentirà invece all’utente di fruire tramite il proprio dispositivo mobile degli stessi servizi ora a disposizioone nel web. Un servizio “a portata di mano” che consentirà di cercare, richiedere ed ordinare libri più velocemente, disponendo di un personale profilo di lettore e di una mappa che individua il luogo più vicino in cui trovare la risorsa che si sta cercando.

Alice Benatti

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”