Inaugura mercoledì 19 dicembre alle ore 18.00 la mostra “Alfredo Protti: il Novecento Sensuale“. In esposizione dal 20 dicembre al 4 febbraio 2013 presso Palazzo D’Accursio.

La mostra dedicata ad Alfredo Protti nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Bologna per le ArtiMAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e il Comune di Bologna. La nona retrospettiva promossa dall’associazione,  vuole omaggiare uno dei pittori bolognesi più celebri e apprezzati, protagonista del movimento secessionista dei primi anni del Novecento.

Curata da Alessandra Sandrolini, la mostra si articola negli spazi di Sala d’Ercole, Manica Lunga e Sala Farnese, e ripercorre la straordinaria produzione pittorica dell’artista bolognese attraverso una selezione di circa 70 capolavori dedicati alla figura femminile. I suoi soggetti prediletti furono proprio le donne colte all’interno dell’ovattato ambiente domestico delle case borghesi, spesso sole in mezzo a vasi di fiori, trine, merletti, specchi e profumi. Rispetto alla femminilità allegorica e spiritualizzata cara a simbolisti e divisionisti, i ritratti di Protti esprimono una prorompente sensualità e rispecchiano lo spirito di una società che ambiva a divenire sempre più liberale e moderna.

Corredata da un catalogo pubblicato da Grafiche dell’Artiere, la mostra è aperta al pubblico con ingresso libero e rientra nel programma istituzionale della rassegna fieristica dell’arte moderna e contemporanea ArteFiera (25-28 gennaio 2013). Accompagna inoltre la mostra la terza edizione dei “Dialoghi Culturali a Palazzo D’Accursio”, un ciclo di incontri con alcuni tra i principali protagonisti della scena culturale bolognese nella cornice della cappella Farnese.

Per ulterioni informazioni sui dipinti e sul programma: Associazione Bologna per le Arti .

Petra Perosa

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61