Domenica pomeriggio, con candele e torce elettriche, “Bologna Pedonale” accenderà una “torre umana” per sostenere i TDays osteggiati dai commercianti. “Facciamo luce” il titolo dell’iniziativa.

L’illuminazione la fanno i cittadini“. È su questo presupposto che si fonda l’iniziativa “Facciamo luce”, promossa da “Bologna Pedonale” per le 17 di domenica prossima all’imbocco della “T” su via Rizzoli.
Con candele, torce e faretti i pedoni daranno vita ad una simbolica torre illuminata, in risposta all’Ascom che, proprio contro i TDays, non ha acceso l’Asinelli con le luminarie natalizie.

“Noi che siamo per l’accensione delle luci – spiegano gli organizzatori – per la mobilità sostenibile, la riqualificazione urbana e la piacevolezza delle relazioni umane, pensiamo che il piccolo paradiso pedonale del fine settimana vada rispettato, promosso e valorizzato”.
L’associazione che difende la pedonalizzazione non vuole contrapporsi a muso duro ai commercianti, ma sottolinea come dall’Ascom finora siano arrivate solo proposte che, di fatto, snaturerebbero i TDays fino alla condizione di accessi controllati in vigore negli altri giorni della settimana.

Quanto alla teoria del calo degli acquisti dovuto alla chiusura al traffico veicolare, i “passeggiatori” di “Bologna Pedonale” smentiscono categoricamente: “Compatibilmente con le disponibilità economiche, un’atmosfera serena e rilassata può al contrario essere una grande occasione anche per favorire i consumi”.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”