Coast to Coast, il primo festival di Mediterranea sarà questo weekend a Tpo e Labas. Tre giornate di arte, musica, concerti, teatro, danza, circo e sport per sostenere e finanziare Mediterranea. Ma anche un’occasione per dare una risposta sociale e politica alla complicità di governo con le morti e le deportazioni che avvengono nel Mediterraneo. Ne abbiamo parlato con Ada Talarico di Mediterranea e Letizia Caroscio di Làbas.

Coast to Coast sarà un’occasione per ascoltare musica e reading, per assistere a spettacoli teatreali e circensi e per sostenere e finanziare Mediterranea Saving Humans. Ma sarà anche un’occasione per dare visibilità al lavoro di Mediterranea, per chiedere ancora una volta la liberazione della Mare Jonio e per denunciare le politiche dei governi europei, testimoni omertosi e addirittura complici delle morti che continuano ad avvenire nel Mediterraneo e dei respingimenti nei campi di detenzione libici. Ne abbiamo parlato con Ada Talarico di Mediterranea.

ASCOLTA LE PAROLE DI ADA TALARICO:

Sono moltissimi gli artisti che si sono proposti e mobilitati per Mediterranea, dallo Stato Sociale ad Alessandro Borgonzoni, passando per Wu Ming e Godblesscomputers. Letizia Caroscio di Làbas ci ha raccontato la programmazione del festival.

ASCOLTA LE PAROLE DI LETIZIA CAROSCIO:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61