Il segretario Raffaele Donini lancia una proposta per poter mantenere le preferenze delle liste elettorali del Pd di Bologna, non essendoci tempo effettivo per le primarie in vista delle politiche di febbraio.

Le annunciate dimissioni di Monti e le oramai sicure politiche di Febbraio 2013 hanno accelerato i processi di scelta per le liste dei vari partiti.

Niente vacanze di Natale per i rappresentanti delle amministrazioni, che dovranno consegnare le liste già pronte e definitive subito dopo Natale.

Così già comincia la campagna elettorale e la scelta dei candidati. Per questo il segretario del Pd di Bologna Raffaele Donini ha deciso di lanciare una proposta per far fronte alla mancanza di tempo.

Non ci sarà la possibilità di dare avvio alle primarie ma si stanno cercando delle soluzioni alternative per mantenere le preferenze, visto che l’imminente fine del governo Monti non porterà a una modifica del sistema elettorale.

“Vogliamo salvare il principio di una selezione democratica delle candidature. Potremmo presentare ai cittadini una lista aperta e chiedere loro di esprimere una doppia preferenza per garantire le quote rosa” così il segretario del Pd di Bologna propone di mantenere quelle preferenze che il famoso Porcellum non garantisce.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”