Una come lei. Archivio di poesia per il futuro, ritorna in un edizione speciale, in cui poter ascoltare, leggere approfondire alcune delle poete più interessanti e che hanno condotto un inedito lavoro sulla lingua e sulla parola.

Sette voci di poete in un archivio digitale di poesia

Il progetto nasce nel 2018, a cura di Anna Franceschini e Roberta Sireno, insieme alla collaborazione con la Biblioteca Italiana delle Donne e il Centro delle Donne, rispondendo all’intento di costruire uno spazio, esclusivo e inclusivo, che contenga riflessioni sulla poesia e sul fare poesia.
Questa edizione del 2021, che va a recuperare il lavoro e i progetti interrotti nel 2020 a causa dell’insorgenza della pandemia, continua a sentire il processo creativo come strumento di condivisione e di affermazione.

Ai nostri microfoni Anna Franceschini ci racconta come questa edizione preveda la realizzazione di un archivio digitale, uno spazio di approfondimento, che si declinerà in sette appuntamenti, con cadenza mensile, in cui saranno presentate sette poete, con un video-lettura dei loro testi inediti ed editi, insieme a una breve intervista, in cui le artiste andranno a riflettere su un concetto portante della loro poetica, una parola nella quale si riconoscono e che hanno inseguito.
L’obiettivo è mettere in evidenza il lavoro sulla parola e sulla scrittura, il rapporto con la lingua che funge da fondamento nella realizzazione di libri.

La creazione dello spazio digitale vuole rappresentare un’opportunità duratura per consentire a tutti e tutte di avvicinarsi alla poesia, e per mantenere viva la parola, conservandola e riscoprendola nella scrittura, nell’attesa di poter tornare ad occupare nuovamente spazi fisici, con rinnovata energia e consapevolezza.

Le poete presentate nel 2021 sono le stesse che avrebbero dovuto presentare i loro lavori l’anno scorso, in incontri e laboratori, e sono Francesca Marica, Laura di Corcia, Laura Liberale, Valentina Maini, Klaus Miser, Maria Grazia Calandrone, Alessandra Carnaroli.
Sono già due le video letture che compongono l’archivio digitale, quelle di Laura Liberale e Francesca Marica, visibili ed ascoltabili attraverso il sito della biblioteca delle donne.

Chiara Moffa

ASCOLTA IL CONTRIBUTO DI ANNA FRANCESCHINI:

Articolo precedentePassante e Dall’Ara, discontinuità o propaganda elettorale?
Articolo successivoA Salus Space anche emporio dello sfuso e una locanda ecosostenibile