Con la rinnovata entrata dell’Emilia Romagna in zona gialla e con la conseguente riapertura dei musei, Genus Bononiae offre degli imperdibili appuntamenti su tutto il territorio bolognese.

Per essere aggiornati su tutte le novità museali, abbiamo intervistato Fabio Roversi Monaco, presidente della fondazione Genus Bononiae.

Alla riscoperta dei musei nella nostra città

A Palazzo Fava, sito in via Manzoni 2, fino al 15 febbraio sarà possibile visitare la mostra “La riscoperta di un capolavoro” in cui sarà esposta l’opera rinascimentale di Francesco del Cosse ed Ercole de’ Roberti, il Polittico Griffoni. Per permettere una maggiore visibilità dell’opera, prima che le tavole facciano ritorno nei musei di appartenenza, l’orario di visita sarà prolungato dalle 8.00 alle 21.30. C’è, inoltre, la possibilità di prenotare visite guidate o di includere una colazione presso il caffè letterario Sebastiano Caridi. Per tutte le informazioni su costi e prenotazioni, ci si può recare sul sito del museo.

All’Oratorio di Santa Maria della Vita, in via Clavature 10, è presente una mostra fotografica dal titolo “Criminis Imago”. Il sottotitolo parla chiaro:“le immagini della criminalità a Bologna” comprendono scatti narrativi di 50 anni di storia a cura del fotoreporter Walter Breveglieri e Paolo Ferrari. Nella stessa chiesa sarà possibile vedere nuovamente il Compianto sul Cristo morto (lunedì-venerdì, ore 10.00-19.00) di Niccolò dell’Arca. Per maggiori informazioni, consultare il loro sito.

Invece, Il Museo della storia di Bologna a Palazzo Pepoli, in via Castiglione 8, riaprirà le sue porte dal martedì al venerdì, ore 10.00-19.00. Qui il loro sito.

Il Museo di San Colombano, sito via Parigi 5, ospita la mostra Still Alive con oltre 80 strumenti antichi ad arco della collezione del Prof. José Vázquez, direttore della Orpheon Foundation di Vienna. Gli orari di visita sono 11.00-13.00 e 15.00-19.00 dal martedì al venerdì. Per i curiosi, si possono trovare foto ed informazioni ulteriori sul loro sito.


Infine, la Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale, sita in Via Nazario Sauro 20/2, consentirà ai visitatori, oltre al servizio di consultazione e prestito già attivo, la possibilità usufruire della sala lettura (lunedì, mercoledì, venerdì ore 9.00 – 13.00; martedì, giovedì ore 9.00 – 17.00). Qui il loro sito.

Bruna Accardo


 ASCOLTA L’INTERVISTA A FABIO ROVERSI MONACO:

Articolo precedenteCo-start, il bando per Start-up innovative
Articolo successivoRoutes Roulette, la campagna italiana per aiutare i profughi in Bosnia