Andiamo con ordine la Libreria Zanichelli in Piazza Galvani è uno dei luoghi storici della cultura cittadina. Il proprietario è il Comune di Bologna che, in scadenza (dicembre 2013) dell’accordo con l’attuale affittuario (Zanichelli con gestione Feltrinelli), ha indetto una gara vinta a sopresa da Librerie.Coop.

Sorpesa che deriva dallo stato di difficile salute in cui versa la catena con cassa integrazione a rotazione per 26 dipendenti alla volta su tutto il territorio nazionale e tutte le 26 librerie.

Cosa ne pensano i lavoratori ? Nell’intervista qui sotto la libraria Barbara spiega quanto sia grave per i dipendenti in una situazione di sacrifici non esser stati informati di nulla, ma di aver appreso dalla stampa.

“Siamo indignati dalle scelte comunicative dell’azienda. Avremmo ritenuto di essere informati almeno insieme ai giornalisti. L’azienda ha preferito i i rapporti con la stampa a quelli con i proprio dipendenti. Cosa avvenuta anche per l’annuncio della cassa integrazione, prima finita sui giornali e poi riferita a noi”.

Una notiza apparsa oggi sul Carlino, che ha intervistato Nerio Nanni, altro concorrente della gara parla di “sappiamo come vanno le cose in città”. Federico Enriques, direttore generale Zanichelli fino al 2006, parla di “continuità merceologica, velocità nei tempi e interesse economico” che le Coop avrebbero garantito meglio dei delusi sfidanti. Il Comune riceverà 96.551 euro annui contro gli 82.000 incassati finora.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”