Multe ai writers colti a realizzare graffiti in città e squadre per ripulire i muri. Eppure alcuni degli artisti che a Bologna vengono osteggiati, espongono nei più importanti musei del mondo. Cosa ne pensano i cittadini di Bologna dei graffiti?

Graffiti a Bologna: la parola ai writer

Uno dei temi “storicamente” caldi di Bologna riguarda i murales. Questa forma d’arte ha sempre diviso l’opinione pubblica, tra chi ne riconosce l’espressione di rottura e chi, equiparandoli alle tag e agli scarabocchi sui palazzi storici, li detesta.
In città abbiamo assistito sia a provvedimenti restrittivi come le multe ai writers, che a vere e proprie squadre di volontari che ripuliscono i muri.
Eppure, alcuni degli artisti che a Bologna sono incappati in multe e censure, espongono nei maggiori musei mondiali.
Cosa ne pensano i cittadini dei graffiti? La nostra Valeria Paci lo ha chiesto direttamente a loro.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61