Il Festival di Internazionale di Ferrara si è concluso ieri e tra gli ultimi appuntamenti la proiezione di “Vol Spécial” e “In nome del popolo italiano” alla presenza dei due registi Gabriele Del Grande Stefano Liberti.

Uno degli ultimi appuntamenti del Festival riguardava un altro argomento spinoso, il tema dei Centri di Identificazione ed espulsione. Ieri presso il Cinema Boldini di Ferrara è stato proiettato “Vol Special”, un documentario del francese Fernand Melgar sulla condizione dei CIE in Svizzera, dove alcuni mesi fa un uomo di 29 anni è morto durante il trasporto dal centro all’aeroporto per il volo che lo avrebbe rimpatriato.

La procedura di rimpatrio, secondo la legislazione elvetica,  comincia con il trasferimento in aeroporto. Subito dopo la proiezione di “In nome del popolo italiano” per parlare dei Cie in Italia assieme ai registi Gabriele Del Grande e Stefano Liberti.

La difficoltà di registrare immagini dentro il Cie di Ponte Galeria di Roma è legata alla legislazione che vieta le riprese e la loro diffusione dentro i locali del CIE. Per adesso le storie vengono raccontate dalle voci dei reclusi a Ponte Galeria e da alcune immagini autorizzate.

I due proietteranno il trailer del loro documentario a Bologna al Terra di Tutti Film Festival l’undici ottobre, in attesa di poter completare il loro lavoro, dopo l’autorizzazione che dovrebbe arrivare direttamente dal Ministero dell’Interno. Sentiamo le parole di Gabriele Del Grande e Stefano Liberti.

Selene Cilluffo

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61