A due settimane dalla vittoria alle elezioni comunali di Bologna, Matteo Lepore ha finalmente presentato la propria Giunta comunale. E tra i nomi che erano circolati viene confermato che il ruolo di vicesindaca va all’eletta con più preferenze, la capolista di Coalizione Civica Emily Clancy.
Il nuovo sindaco, però, ha voluto presentare la squadra in Città Metropolitana e lo ha fatto in modo simbolico, per spiegare i cambiamenti alla governance che intende proporre. Accanto alle 10 persone che, in modo paritario, comporranno la sua Giunta, infatti, trovano spazio consiglieri delegati che lavoreranno su un doppio binario.

Giunta Lepore, i nomi della squadra di governo e le deleghe

Lepore terrà per sè le deleghe alla Sanità e alla Cultura, temi su cui vuole lavorare in prima persona. Emily Clancy sarà invece la nuova vicesindaca, ma avrà anche le deleghe alla Casa, all’Economia della notte, alle Assemblee per il clima e alle Pari Opportunità. L’ex vicesindaca Valentina Orioli resta in giunta, ma sarà assessora a Mobilità, Nuove Infrastrutture, Impronta Verde, Portici Unesco e Parchi urbani. L’ex presidente del Quartiere Navile, Daniele Ara, sarà assessore assessore a Scuola, Progetto scuole di Quartiere, Agricoltura e Reti idriche. Ritorna in Giunta il deputato Luca Rizzo Nervo, che sarà assessore al Welfare e Nuova cittadinanza.

Nel governo della città ci saranno anche Raffaele Laudani, che si occuperà di Urbanistica, Progetto Città della conoscenza, Rapporti con l’università, Roberta Li Calzi che seguità sia Bilancio che Sport, Luisa Guidone assessora a Commercio, Legalità democratica, Lotta alle mafie ed Economia di vicinato. L’ex presidente del Quartiere San Donato-San Vitale, Simone Borsari, si occuperà di Lavori pubblici, manutenzione e protezione civile, il grillino Massimo Bugani seguirà Rapporti con il consiglio comunale, Trasparenza, Semplificazione, Agenda digitale, servizi demografici e Anna Lisa Boni, infine, sarà assessora ai Fondi europei, Fondi Pnrr, Città carbon neutral.

Il resto della squadra

Accanto agli assessori, però, Lepore ha nominato anche alcuni delegati. Quelli che seguiranno sia il lavoro cittadino che della Città Metropolitana saranno Sergio Lo Giudice (capo di gabinetto in Città metropolitana e Lavoro), Matilde Madrid (capo di gabinetto in Comune), Erika Capasso (Quartieri, Immaginazione civica), Elena Di Gioia (Distretti culturali, Sistema teatrale, Valorizzazione del lavoro artistico a livello metropolitano) e Rosa Grimaldi (Promozione economica, Impatto Tecnopolo).
I consiglieri delegati, invece, saranno Davide Celli (Diritti e Benessere animali), Cristina Ceretti (Famiglia, Disabilità e Sussidarietà circolare) e Mattia Santori (Turismo, Politiche giovanili, Scambi internazionali e Grandi eventi sportivi). Infine ci sono anche due consiglieri speciali del sindaco: Stefano Manservisi (Cooperazione internazionale, Rete europee delle città e Università) e Berti Arnoaldi Veli (Progetto del Tribunale dei fragili e Giustizia).

ASCOLTA LE PAROLE DI MATTEO LEPORE:


Articolo precedenteElettroacustica alla Certosa: “Ubi Consistam” di Laura Agnusdei
Articolo successivoLa Scuola Diseguale. Educatori e Insegnanti, stesso il servizio, diversi i diritti