Il contest “Vieni Avanti Creativo”, con cui Radio Città Fujiko chiama a raccolta le esperienze creative indipendenti, vede la partecipazione di Bèbert Edizioni, casa editrice nata nel 2012 a Bologna che punta a privilegiare la sostanza, il contenuto dei libri, a discapito della forma estetica.

Bébert Edizioni è una casa editrice che vede la luce nel 2012 a Bologna, nell’ex quartiere operaio della Bolognina. La sua linea editoriale si sviluppa attraverso quattro collane, che ne sintetizzano bene gli obiettivi: A colpi d’ascia, collana di narrativa e poesia che predilige una scrittura con un contenuto e una forma che siano riconoscibili, originali e sperimentali. La volontà è quella di allontanarsi il più possibile dai dogmi scolastici e accademici della cosiddetta bella scrittura; Niandra, collana di saggistica in cui sono presenti esclusivamente le tesi di laurea magistrale o di dottorato che indagano gli aspetti meno conosciuti nell’ambito delle scienze storico-umanistiche e politico-sociali; Gli Irrisolti sono piccole pubblicazioni (10,5 cm x 15 cm) che contengono uno o più racconti, un contenitore per narrazioni indefinite, senza orizzonti e senza finali; infine la collana International pubblica libri particolari di autori stranieri, anche qui con un’attenzione molto importante alla forma e al contenuto.

Per quanto riguarda l’aspetto grafico, la scelta è la monocromia, ovvero copertine tutte uguali. L’intento della serialità è pensato per mettere in risalto il contenuto del libro e il suo autore, prediligendo in questo modo la sostanza alla forma. Per quanto riguarda invece la gestione dei diritti d’autore, Bébert Edizioni predilige la gestione in creative commons alla più classica “all right reserved”. Ed è proprio per questo motivo che utilizza un sistema operativo libero, Ubuntu, e programmi di impaginazione e grafica open source.

Bébert Edizioni partecipa poi molto attivamente alle fiere della piccola e media editoria sparse in giro per l’Italia, tentando di presentare i suoi libri in modo non tradizionale. Tante le iniziative e presentazioni portate avanti in tutto il centro e il nord Italia e in qualsiasi posto: dalla libreria al centro sociale, dal circolo arci all’associazione culturale, dal bar al circolo degli anziani.

In generale, “Bébert Edizioni è convinta che non esista un solo modo giusto di fare le cose, bensì il modo di fare con quello che si ha. E quello che si ha andrà comunque benissimo”.

Ascolta l’intervista: