Dopo aver affrontato l’oscurità di un sogno in Dark, il suo Tornado interiore, e dopo aver condiviso sulle note di We’re Even lo struggimento per un amore in crisi, esce martedì 30 marzo il video del nuovo singolo estratto Nothing At All di Charlie Risso. Il singolo è contenuto nel suo secondo album Tornado. Il video, girato in Super 8 e diretto da Marco Pellegrino, è un racconto analogico che ripercorre i ricordi. Una sorta di viaggio romantico e incantato, sospeso tra realtà e sogno. Ascoltando Nothing At All si è subito pervasi da una sensazione malinconica, ricreata dalle sonorità del brano sospese e cadenzate dall’ingresso di un tremolo di chitarra suonata dalla stessa Charlie. Queste particolari sonorità ricordano alcune canzoni della colonna sonora di Twin Peaks.

“We used to play that stupid game, that you never liked and I never won again”: attraverso la sua voce suadente Charlie quasi sussurra la propria rassegnazione a un rapporto ormai logoro, senza più scambi appassionati, “I feel nothing at all, nothing at all, nothing at all”, quando ormai la relazione diviene solo una comfort zone per entrambi.

Il respiro internazionale di Charlie Risso

Attiva fra la sua città natale Genova, Milano e Londra, Charlie Risso è un’artista cosmopolita che è riuscita a ricamarsi addosso un sound ammaliante e malinconico dove folk, alternative rock e pop si compenetrano senza sforzi e senza inganni. Il suo progetto musicale è caratterizzato da un respiro internazionale, alimentato dall’utilizzo della lingua inglese nelle sue canzoni. Questo permette a Charlie di poter annullare qualsivoglia confine geografico o limite musicale.
Ruins of memories è il suo disco d’esordio pubblicato nel 2016. A dicembre 2020 esce il secondo album Tornado, prodotto da Mattia Cominotto (Meganoidi, Tre Allegri Ragazzi Morti) e Tristan Martinelli. Da gennaio 2021 fa parte del roster dell’agenzia di booking Solidbond agency.

ASCOLTA L’INTERVISTA DI CHARLIE RISSO:

Articolo precedenteCosa c’è da dire su “Elasticity”, l’ep di Serj Tankian che “suona” System of a down
Articolo successivoCarcere della Dozza, polizia penitenziaria in agitazione per il sovraffollamento