Playlist: dai Chemical Brothers ai Black Sabbath

Dai Chemical Brothers ai Last Shadow Puppets, dai New Orders ai Sex Pistols. Queste le news di oggi.

In Apertura, news dall’Italia: i Chemical Brothers hanno annunciato un live il 22 Luglio al Milano Market Sound. I biglietti saranno disponibili su Ticketone a partire dal prossimo 4 Febbraio. Il duo elettronico ha rilasciato Born in the Echoes il Luglio scorso; è da poco uscito il video di Wide Open, pezzo che apre l’ultimo CD del gruppo, il cui video è stato girato in collaborazione con Beck.

I Last Shadow Puppets, supergruppo britannico nato da Alex Turner (Arctic Moneys) e Miles Kane (ex The Rascals e ex Little Flames) saranno in Italia per due appuntamenti live il 5 e il 6 Febbraio, rispettivamente a Ferrara e Milano. La band ha annunciato l’uscita del nuovo album Everything You’ve Come To Expect per il prossimo 1 Aprile.

Ricorderete della performance di Ricky Tognazzi nel nuovo video dei New Order, “Tutti Frutti”. In un’intervista, lo showman italiano ha raccontato la storia di come è entrato in contatto con il gruppo. La figlia Sara, ormai da diversi anni residente a Londra, è stata infatti incaricata di produrre il nuovo video della band, che cercava un attore italiano per il loro ultimo video. Dopo varie ricerche, si è deciso di optare per Tognazzi, nonostante l’impegno dello spettacolo “Figli, mariti, amanti”.

Passiamo agli esteri e torniamo a parlare del Duca Bianco. L’eredità di David Bowie sarà divisa tra la moglie, i suoi due figli Duncan Jones e Alexandria Jones, l’assistente Corinne Shwab e la tata di famiglia Marion Skene. Inoltre, le ultime volontà dell’artista prevedevano che il corpo fosse cremato a Bali, secondo il rito buddhista. Citando il “The Guardian”, le ceneri sarebbero state sparse nella città indonesiana.

I Black Sabbath si sono visti costretti ad annullare diverse date canadesi del tour “The End”, a causa della sinusite di Ozzy Osbourne. L’infezione dei seni nasali del cantante ha costretto la band ad annullare le date a Edmonton di ieri e a Calgary di stasera. Inoltre, la band ha confermato che il nuovo CD sarà acquistabile solamente alle tappe del tour. Ozzy ha affermato che la band fosse sul punto di scrivere un nuovo album, ma l’idea sarebbe stata accantonata a causa dell’età dei musicisti.

Il fondatore dei Sex Pistols John Lydon ha parlato della vita a 60 anni dopo il suo compleanno di ieri. Lydon, dopo aver confermato di continuare a bere e fumare, ha dichiarato “Se non posso godermi l’essere vivo allora non voglio essere vivo. Il bere e le sigarette e il divertirsi e stare svegli per giorni… queste sono le cose che mi piacciono. Il fare festa mi ha reso una persona migliore”. I Sex Pistols sono stati uno dei più influenti gruppi britannici, grande icona della prima ondata punk. Nonostante abbiano rilasciato solamente quattro singoli e un album in studio Nevermind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols, sono stati una delle band più influenti nell’ambito della musica pop. Il loro singolo “God save the Queen” fu considerato alla stregua di un attacco alla monarchia e al nazionalismo degli inglesi. Dopo l’ingresso di Sid Vicous nel 77 come bassista, la band non si concentrò più sulla musica quanto piuttosto nel fare scandalo. È risaputo che Vicious non sapese in realtà suonare il basso; aveva infatti avuto esperienze come batterista dei Siouxies and the Banshees e dei Flowers of Romance, ma fu preso nella band grazie al suo look e alla sua attitudine punk.