Radio Città Fujiko»Notizie

118, altri 3 medici sospesi dall'Ordine: è scontro istituzionale

Dure le risposte all'Ordine, definito dalla parlamentare Lenzi "il più conservatore d'Italia"


di redazione
Categorie: Sanità
infermiere.jpg

Continua lo scontro tra l'Ordine dei medici di Bologna e i camici bianchi dell'Ausl. Altri 3 medici sospesi per aver autorizzato la riforma del 118, con infermieri soli sulle ambulanze. Dalla politica solidarietà ai medici sanzionati. Melega: "Credo che sia solo una difesa corporativa. Piena adesione alle procedure accusate dall'ordine".

Altri tre medici sospesi per sei mesi dall'ordine di Bologna. Arriva quindi a sette il numero di medici dell'Ausl soggetti durissime sanzioni disciplinari, tutti con la stessa accusa: quella di aver "tradito" la propria etica professionale approvando dei protocolli che prevedono la presenza di infermieri da soli a bordo delle ambulanze. Tra i medici coinvolti spiccano i nomi di Giovanni Gordini, direttore del dipartimento emergenza, Cosimo Picoco, responsabile del 118 e Nicola Binetti, direttore del pronto soccorso.

Intanto il caso è già arrivato in Parlamento, e non tardano ad arrivare i primi commenti. Il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, ha di recente difeso i protocolli dell’Emilia-Romagna, e la parlamentare bolognese Donata Lenzi ha definito l’Ordine di Bologna come "il più conservatore d’Italia".

"Si tratta di uno scontro istituzionale molto grave - commenta Corrado Melega, ostetrico e consigliere comunale a Bologna - ma il vero problema è che vengono comminate delle sanzioni gravissime senza che ci sia ragione di farlo. Senza considerare che è impossibile pensare che professionisti di questo livello possano smettere di lavorare per dei mesi: si bloccano i servizi". Secondo Melega, inoltre, è anche difficile pensare che i medici sanzionati abbiano messo in pericolo la vita della gente, facendo lavorare persone che non sono in grado di eseguire le mansioni assegnate. Si tratta di infermieri esperti e capaci, che stanno svolgendo compiti che sono comuni a molte aziende e a molti servizi anche all'estero.

Il sistema adottato dal 118 dell’Emilia-Romagna prevede che per soccorsi di tipologia "intermedia", oltre all'autista, sia previsto nell'equipaggio dell'ambulanza un infermiere. Una procedura simile a quella che, secondo gli esperti del settore, viene applicata in molte altre regioni d'Italia.
"Non mi pare - sottolinea Melega - che si siano verificati problemi negli anni in cui questa procedura è stata applicata. Quindi non solo voglio esprimere solidarietà verso i professionisti e gli amici in questo modo puniti, ma anche un'adesione a questa gestione assolutamente condivisibile".

Di tutt'altro avviso Giancarlo Pizza, presidente dell'Ordine dei medici di Bologna, e la commissione che ad oggi ha giudicato colpevoli i sette professionisti. Secondo loro si tratterebbe di una grave violazione deontologica. "Si tratta di istigazione all’esercizio abusivo della professione. Noi ci occupiamo della sicurezza dei cittadini e l’atto medico non è delegabile" ha commentato Pizza dopo i primi provvedimenti disciplinari.
"In questi anni - replica Melega ai nostri microfoni - la salute dei cittadini è stata ben preservata dai servizi di emergenza/urgenza e da un sistema di lavoro che è diffuso in molte regioni e in molte nazioni. Io credo che questa sia solo una difesa corporativa. Mi rendo conto che ci sono dei medici disoccupati e che cercano lavoro, ma questo non è il modo di sistemare le cose. Bisognerà ripensare ai ruoli nell'esercizio della medicina in modo da non creare conflitti, bensì sinergie".

Anna Uras


Ascolta le parole di Corrado Melega

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]