””/

L’associazione Mondo Donna Onlus ha inaugurato il mese scorso un nuovo punto d’informazione e di sostegno alle donne vittime di violenza di genere e stalking. Il centro offre un percorso di sostegno dalla counselor sistemico-relazionale Irina Biancofiore di Mondo Donna e una consulenza legale gratuita offerta dall’avvocato Andrea Bassi del foro di Ferrara.

Il punto d’ascolto nasce all’ interno del progetto “In rete” del Comune di Bologna che coinvolge diverse realtà del territorio bolognese tra  cui l’ Assoziazione Mondo Donna Onlus con l’obiettivo di allargare l’accesso al servizio 1522, il numero nazionale della rete antiviolenza. Lo sportello si trova in Via Mascarella 2, aperto il Lunedì, Martedì e Giovedì dalle 13.30 alle 16.30.

“Mondo Donna” ha deciso di investire su alcune delle donne che sono state o che sono attualmente ospiti all’interno dei suoi centri di accoglienza, sia connazionali che migranti, che sono riuscite a uscire da una realtà di violenza per intraprendere un percorso di empowerment e di emancipazione dalla violenza.

L’associazione, oltre che occuparsi di tematiche relative a violenza di genere, gestisce da più di vent’anni strutture che offrono servizi ed attività correlate al progetto mamma/bambino poiché, come afferma la fondatrice e responsabile Loretta Michelini, “la conciliazione tra lavoro di cura e lavoro retribuito è la problematica che si verifica più frequentemente tra le donne occupate”. Per questo motivo il centro ospita al suo interno un micronido e un baby parking estivo.

L’Emilia-Romagna è tra i primi posti in Italia per numero di denunce contro violenze fisiche e sessuali sulle donne, l’80% delle quali perpetuate dentro le mura domestiche.
L’alto numero di denunce testimonia la capacità delle donne del nostro territorio di liberarsi dalla spirale della violenza ma è anche un dato allarmante, che mostra la necessità di ampliare i punti di riferimento per le donne che hanno bisogno di aiuto.

Giulia Enna