In questa puntata di All you need is Ska avremo come protagonisti i Vallanzaska e il grande Roy Paci con i suoi Aretuska.

I Vallanzaska nascono nel 1991 come cover band dei Madness e degli Specials, ma ben presto cominciano a fare pezzi propri. Il loro nome deriva dal criminale italiano Vallanzasca, al quale hanno anche dedicato alcune loro canzoni. Nel 1994 pubblicano il loro primo album autoprodotto, intitolato “Otto etti di ottagoni netti”. Il secondo album, “Cheope”, pubblicato nel 1998 per Face Records fu subito un successo. Il brano “Si si si no no no”, estratto dall’omonimo album del 2004 uscito per la Maninalto! Records, divenne un successo grazie anche al fatto che venne scelto come sigla per la trasmissione televisiva “Super Ciro”. Nel 2010 pubblicano il loro ultimo album in studio, intitolato “I Porn”.

Roy Paci, oltre ad essere uno dei più bravi trombettisti italiani, è un compositore, arrangiatore e produttore discografico. Comincia a suonare il pianoforte da piccolissimo, ed approda alla tromba all’età di 10 anni, quando si unisce alla banda del suo paese. A 13 anni è già il primo trombettista della banda e comincia a suonare con alcuni gruppi di jazz tradizionale siciliano. Nel 2001 fonda i Roy Paci & Aretuska insieme ad alcuni giovani musicisti siciliani, l’anno successivo pubblica il primo album intitolato “Baciamo le mani”. Nella sua intensa carriera collabora con vari artisti della scena musicale italiana ed internazionale, tra cui Mike Patton, Manu Chao, Tonino Carotone, Gogol Bordello, e tanti altri.

Stay Tuned, Stay Skanking!

1) Vallanzaska – Spaghetti Ska

2) Vallanzaska – Apologia di Renato

3) Vallanzaska – Reggaemilia

4) Vallanzaska – Cheope

5) Vallanzaska – Si si si no no no

6) Vallanzaska – Skacco al Re

7) Roy Paci & Aretuska – Cantu siciliano

8) Roy Paci & Aretuska – Sicilia bedda

9) Roy Paci & Aretuska – Ciuri ciuri

10) Roy Paci & Aretuska – Babbaluci

11) Roy Paci & Aretuska – Furto con scasso

12) Roy Paci & Aretuska – Nesci lu sule

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”