Un’area esentasse sugli scambi commerciali e sugli investimenti industriali. Grazie ad un decreto del governo da una settimana Trieste è il primo porto franco d’Europa. I benefici saranno per l’occupazione locale, ma saranno penalizzati i concorrenti connazionali e aumenteranno le disuguaglianze. L’analisi dell’economista Giacomo Bracci.

ASCOLTA L’ANALISI DI GIACOMO BRACCI:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61