Ieri uno sciopero e venerdì una nuova agitazione degli accertatori della sosta di Tper, che denunciano una carenza di personale e un atteggiamento vessatorio dell’azienda nello spingere sulla produttività. Negati ferie e congedi ai lavoratori, accusati di assenteismo o di essere fannulloni. Eppure Tper ammette che manca personale. L’intervista ad Alessandra Cuozzo di Sgb.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ALESSANDRA CUOZZO DI SGB:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61