I suggestivi calanchi dei colli bolognesi tornano ad essere il palcoscenico naturale di una serie di eventi che vedono i diversi linguaggi artistici mescolarsi armoniosamente, in dialogo continuo con l’ambiente circostante. La collaborazione fra gli spazi di Fienile Fluò e le capacità organizzative dell’associazione culturale Crexida/AnimaFluò, fondata nel 2003 dall’attrice, autrice e regista Angelica Zanardi, creano il festival Scena Natura – Dialogo tra le arti e il verde, giunto alla sua sesta edizione, che si svolgerà fra il 26 giugno e il 20 settembre 2024 in via Paderno 9.

Anima del festival è il paesaggio, in quanto fonte di ispirazione e scenografia naturale. Ogni appuntamento, infatti, è pensato per mettere in relazione le tematiche attuali e i linguaggi contemporanei con l’ambiente, protagonista e guida della narrazione artistica. Questa relazione spiega l’attenzione all’originalità dei testi e la riconferma del progetto Scena Natura Open, una serie di residenze e di tutoraggi produttivi per progetti creativi in via di sperimentazione che si svolgono durante l’anno. Dall’incontro fra giovani artisti residenti e professionisti del settore nascono spettacoli inseriti nel programma del festival Scena Natura.

Il programma multidisciplinare di “Scena Natura – Dialogo tra le arti e il verde”

Ad aprire il festival, il 26 giugno, sarà la proiezione del film di Spike Lee “Do the right thing”, primo appuntamento della rassegna cinematografica del festival curata da Giovanni Cuoghi dal titolo “La città al cinema: lo spazio urbano e le sue vicende rappresentate nel grande schermo”.
Il secondo appuntamento, il 4 luglio, sarà infatti la proiezione di “Bologna dei miei tempi”: una Bologna mai vista al cinema, ripresa in 8mm da Luciano Osti, in un periodo di grandi trasformazioni sul piano urbanistico e sociale, gli anni ’50 e ’60.

Le performance teatrali si aprono il 3 luglio con lo spettacolo “Trucioli”, prodotto da Gli Omini. Quattro serate invece sono riservate allo spettacolo “TZA/TZI/KI – Ricette per esploratori dell’anima” della compagnia Crexida\Anima Fluò, su testo originale di Manuela de Meo e della stessa Angelica Zanardi, protagonista sul palcoscenico con Marco Muzzati. Si aggiungono al ricco programma appuntamenti in compagnia della musica, come quello del 28 luglio quando Daniella Firpo e Marco Lobo trasporteranno l’ascoltatore nell’anima musicale del Brasile, e con la danza: ad esempio il 25 agosto arriva Co-Lab International Dance Project a cura della compagnia Mualem/de Filippis Projects.
La bellezza dei calanchi bolognesi viene integrata ad esperienze artistiche con i progetti immersivi che coniugano arte e natura all’interno della performance. “Stelle”, previsto per il 10 agosto, è un’opera sonora e immersiva di Miscele d’Aria dove lo spettatore è invitato a sdraiarsi sul prato e ad osservare le stelle, ascoltando suoni e musiche eseguite dal vivo da sei musicisti. Il 27 giugno, il 18 luglio, l’1 e il 14 agosto tocca invece a “Tra gli alberi walk” e “Tra gli alberi by night”, di e con Angelica Zanardi, due esperienze di attraversamento sensoriale del paesaggio attraverso una passeggiata dedicata agli alberi che circondano il Fienile Fluò.

Novità di questa edizione è il servizio Navetta Fluò che permetterà al pubblico di raggiungere più comodamente Fienile Fluò dal centro di Bologna. Scopri qui tutto il programma della rassegna.

ASCOLTA L’INTERVISTA A ANGELICA ZANARDI: