Il 20 giugno torna a Bologna La Giornata Mondiale del Rifugiato, il grande evento in streaming dedicato al diritto d’asilo, alla solidarietà e al valore dell’accoglienza. Per l’occasione è stato lanciato il contest #ilcieloèditutti, una call rivolta agli artisti per la realizzazione di video musicali e performativi.

Il tema della call

Proviamo ad immaginare di vivere con una persona proveniente da un altro paese, proviamo ad immaginare di parlare la sua lingua, di praticare la sua religione, di vivere una storia comune. “Qualcuno mi spieghi questo mistero” – scrive Gianni Rodari – “il cielo è di tutti gli occhi”, significa che anche il mondo è di tutti ed è esattamente questo che ci rende tutti uguali.
Sono queste le premesse del concorso #ilcieloèditutti: una raccolta di proposte artistiche che sappiano interpretare il proprio concetto di “confine”.
Saranno accolti video con suoni, corpi, voci per ritrovarsi con i richiedenti asilo, per ascoltare la loro voce, per imparare a conoscerli – sotto lo stesso cielo.

Come partecipare

La call è aperta a tutti gli artisti dai 16 anni in su, che possono partecipare inviando video musicali, di teatro, danza e spettacolo entro le ore 24 dell’11 giugno. I video dovranno durare dai 3 ai 10 minuti.
La partecipazione è gratuita.
Tutte le informazioni per iscriversi e le modalità di invio sono disponibili nel Regolamento del concorso.

I cinque video che avranno la capacità di cogliere meglio il tema della call riceveranno un contributo di 500 euro e saranno riprodotti durante l’evento in streaming del 20 giugno.

Per informazioni:
www.bolognacares.it
ventigiugnobologna@cidas.coop

Articolo precedenteAscanio Celestini: appunti per una visita guidata al Museo Pasolini
Articolo successivoSinistra Unita per Bologna presenta il simbolo e la candidata a sindaco