L’Europa ha dato un nuovo ultimatum all’Italia per la correzione dei conti pubblici: entro aprile la manovra o scatta la procedura d’infrazione. La Troika, in Grecia, vorrebbe nuove “riforme” per dare nuovi aiuti, ma la popolazione è allo stremo. I favori ad Angela Merkel in vista delle elezioni di settembre ripropongono il pantano dell’austerity. Il commento dell’economista Marta Fana.

ASCOLTA LA RUBRICA DI MARTA FANA:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61