Dai controlli incrociati di Comune di Bologna e Agenzia delle Entrate sono emerse 42mila dichiarazioni non conformi per la permanenza nelle alloggi Acer. 6mila i procedimenti avviati, mentre la somma recuperata è di un milione e mezzo di euro, che servirà per ristrutturare il patrimonio.

Gli Enti Locali e l’Agenzia delle Entrate procedono con i controlli incrociati delle dichiarazioni reddituali degli inquilini di alloggi pubblici. Il periodo coperta riguarda le dichiarazioni fatte tra il 2007 e il 2010, dalla cui veridicità dipende l’idoneità dei vincitori dei bandi a occupare gli alloggi pubblici. La mancata congruità con le dichiarazioni ISEE comporta l’evasione fiscale, con conseguente recupero dell’indebito percepito e annullamento o decadenza del contratto di locazione.

Sono ben 42000 le dichiarazioni non conformi nel solo comune di Bologna. Dei 6000 procedimenti avviati, 3500 si sono conclusi e 2400 hanno un recupero con interessi pari a un milione cinquecentomila euro.  In provincia, includendo i Comuni aderenti, la somma ammonta a 280mila euro.

Questi fondi però non ricadono nel bilancio. La legge regionale impone che le risorse del canone vengano reinvestite per la gestione e riqualificazione degli appartamenti. Il Comune investirà questi soldi per la riqualificazione energetica a vantaggio degli inquilini per creare, conseguenzialmente, lavoro.

La non conformità delle dichiarazioni non è causata solo dall’occultamento del reddito del lavoro autonomo o di un componente del nucleo familiare, spesso riguarda il possesso di un immobile risultante dall’anagrafe tributaria. L’incrocio delle banche dati costituisce uno strumento di controllo efficace: le dichiarazioni vengono controllate a tappeto e non ci si basa più su delle mere campionature. L’importo più pesante riscontrato da queste analisi è stato di sedicimila euro sull’intero periodo. La somma corrisponde a un conguaglio per la dichiarazione mendace cui segue, come in tutti i casi analoghi, l’avvio di un provvedimento giudiziario e la perdita dell’alloggio.

Grazie a questi controlli, circa duecento famiglie in lista di attesa potranno quindi beneficiare della casa spettante loro di diritto.

Lucia Occhipinti

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”