Sono entrati in sciopero questa mattina i lavoratori del punto vendita Ikea di Casalecchio, dopo che l’altro ieri i rappresentanti dell’azienda hanno abbandonato il tavolo di discussione con i sindacati. Ikea, comunica la Filcams Cgil, è indisponibile a mantenere le maggiorazioni domenicali e a superare il premio aziendale fisso. Lo sciopero potrebbe durare per tutta la giornata.

Lo sciopero dei dipendenti Ikea a Casalecchio

Dalle prime ore del mattino i dipendenti dello store Ikea di Casalecchio sono entrati in sciopero, dopo che due giorni fa l’azienda ha abbandonato il tavolo di confronto con i sindacati. I rappresentanti del colosso svedese “hanno ribadito l’assoluta indisponibilità a recedere dalle loro richieste di abbattimento delle maggiorazioni domenicali/festive e dal superamento del premio aziendale fisso”, comunica la Filcams Cgil.

Dopo un’assemblea, i dipendenti in mobilitazione hanno deciso all’unanimità di continuare lo sciopero, che potrebbe prolungarsi fino ai turni serali.
“I dipendenti hanno pure deciso una sorta di ‘sciopero bianco’, attenendosi rigidamente alle loro mansioni ed alle regole formali stabilite dall’azienda”, continua la nota della Filcams.

Da parte di Ikea, intanto, sarebbe emersa la volontà di riaprire il tavolo di confronto con i sindacati per il mese di agosto, “qualora questi si rendano disponibili a sottoscrivere quanto richiesto dall’azienda, in caso contrario hanno ribadito con forza che al primo settembre daranno efficacia alla disdetta del contratto aziendale”.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61