Torniamo a occuparci della vicenda legata a Siae e Agcom, che riguarda la possibilità dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni di rimuovere contenuti da siti italiani o rendere inaccessibili siti esteri per violazione del diritto d’autore.

La vicenda ha scatenato l’allarme in tutti coloro che ritengono che la libertà di informazione e condivisione sia fortemente in pericolo in caso l’Agcom decida realmente di proseguire su questa strada. Oggi però è arrivata una notizia che sembra aprire spiragli quantomeno per i blog, e per tutti coloro che non violano il diritto d’autore a scopo di lucro. Ce lo ha spiegato l’avvocato Guido Scorza, esperto di diritto digitale: qui sotto puoi ascoltare e scaricare l’intervista

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoRevisionismo e negazionismo, quale Giornata della Memoria?