Radio Città Fujiko»Notizie

In piazza a Bologna per Nasrin Sotoudeh

Il presidio chiamato dalle Donne in Nero di Bologna per chiedere la liberazione dell'avvocata iraniana


di redazione
Categorie: Movimento, Donne, Giustizia
56344407_2224841120896001_6633186400051134464_n.jpg

L'11 aprile dalle 18 in piazza del Nettuno si terrà il presidio per chiedere la liberazione di Nasrin Sotoudeh chiamato dalle Donne in Nero di Bologna insieme ad associazioni iraniane e associazioni di donne e femministe. Nasrin Sotoudeh è un'avvocata per i diritti umani in Iran, condannata a 38 anni di carcere e a 148 frustate. L'intervista a Patricia Tough.

Molte sono le voci che si sono levate nel mondo in difesa di Nasrin Sotoudeh da quando le è stata comminata la condanna a 148 frustate e 38 anni di carcere in seguito al suo attivismo per i diritti umani e delle donne in particolare. Gli ordini degli avvocati e avvocate di molte città italiane hanno preso posizione e chiesto la liberazione di Nasrin, il Parlamento Europeo ha espresso preoccupazione per la situazione dei diritti umani nel contesto iraniano già in difficoltà politica ed economica nel mondo e in particolare per la sorte di Nasrin Sotoudeh. Anche il Consiglio Comunale di Bologna ha approvato un ordine del giorno in favore della liberazione di Nasrin e Amnesty International continua a raccogliere firme per la sua liberazione. 

Anche le Donne in Nero di Bologna, unitamente ad associazioni iraniane e al movimento femminista, hanno deciso di esprimere la propria solidarietà a Nasrin e a chiedere la sua liberazione attraverso un presidio che si terrà l'11 aprile in Piazza del Nettuno a partire dalle 18 "di fronte all'enormità della condanna a 38 anni e 148 frustate comminata all’avvocata Nasrin Sotoudeh - si legge nella chiamata della piazza - famosa nel mondo per il suo lavoro in difesa dei diritti umani in particolare delle donne, siamo profondamente colpite perché equivale di fatto a una condanna a morte per tortura. Si condanna a tale pena un'avvocata coraggiosa che difende le donne che si rifiutano di indossare il velo e anche studenti e giovani che lottano per la libertà. Siamo preoccupate per la tenuta dei diritti umani in Iran e ci opponiamo a questa condanna fortemente simbolica da parte di un regime che ha bandito la libertà dalla vita dei cittadini e delle cittadine con leggi restrittive e una giustizia aberrante".

ASCOLTA LE PAROLE DI PATRICIA TOUGH:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]