Un nuovo locale si affaccia nel panorama musicale e culturale bolognese, finalmente aggiungerei, dopo la prevista inaugurazione del 31 ottobre, ritardata a causa della seconda ondata pandemica: è il Tank − Serbatoio Culturale, club avanguardista nato e gestito dalla mente di tre donne, Marzia Vallone, Laura Zilli e Mariolina Catani con cui ne abbiamo parlato per la programmazione estiva dei circoli AICS, di cui fanno parte.

La ricca programmazione del “Think Tank”

Situato in via Emilio Zago, nella location in cui sorgeva il Mikasa, il nuovo locale si compone di uno spazio ibrido e intermediale, in cui troveranno luogo l’esposizione, laboratorio e il classico club, impostato sui modelli berlinesi e londinesi. Vi presenzieranno diversi formati: uno musicale, con live in cui ci saranno connubi di musica elettronica, strumentale e sperimentale, uno cosiddetto talk, dove per l’appunto ci saranno presentazioni di libri e docu-film con ospiti di varia natura professionale, e uno espositivo, dove troveranno posto diverse espressioni artistiche.

Proprio l’ubicazione del club, sotto il Ponte di Stalingrado, e di per sé un indicatore del livello di arte e svago che si troverà, con allestimenti di street art e presenza di altre realtà in cui si concentrano cultura e musica, tra cui anche altri circoli AICS. E proprio in occasione di “La Bella Estate” è cominciata la programmazione del locale, che prende il nome di “Think Tank” e che si protrarrà per i mesi di giugno e luglio, per terminare il 15 ottobre.

Si è già partiti il 20 maggio con la dj e producer italiana Tying Tiffany, il 21 con il compositore Massimo Carozzi e il 22 con i Coffee Killer, per poi proseguire giovedì 27 con Alogi e nel weekend con i dj set di Dj Lugi e Trinity. Le anticipazioni parlano della presenza della storica band bolognese dei Nabat, della dj e compositrice romana Lady Maru e, in esclusiva assoluta in Italia, l’ottava data del tour europeo dell’organista e producer svedese Anna von Hauswolff, per la presentazione del suo album nel contesto della Basilica di Santa Maria dei Servi.

Per quanto concerne il format talk, “Think Tank” avrà un ricco programma di presentazioni di libri, con autori ed editori − come “Disconnection. L’hardcore italiano negli anni Novanta“, o ancora “Mutate or die” di Rote Zora (pseudonimo di Elisa Fosforino) − e proiezioni di docu-film, con i registi e produttori − come “I Am Not Alone Anyway“, girato da Veronica Santi e incentrato sulla storica professoressa al DAMS Bologna di critica dell’arte, Francesca Alinovi, scomparsa tragicamente negli anni ’80.

«Siamo felici di poter offrire così tanto al pubblico, perché crediamo che uno spazio diverso di esperienze corporee ed emozionali sia possibile» ci ha confidato Catani, co-poprietaria e co-direttrice artistica del club, alla presentazione del calendario. Le attività avranno luogo dentro al giardino del Tank, e le entrate saranno contingentate − circa un centinaio di posti − per cui, per partecipare, sarà fondamentale prenotarsi con nome, cognome e data dell’evento all’indirizzo mail prenotank@gmail.com.

Luca Meneghini

ASCOLTA L’INTERVISTA A MARIOLINA CATANI:

Articolo precedenteDue sax a confronto a Salt Peanuts: Chris Potter e David Binney
Articolo successivoStefano Pesce: “La web-serie ‘Segnali’ è una risposta alla crisi”