Fino al 20 giugno, presso il Teatro Arena del Sole di Bologna, sarà possibile assistere allo spettacolo scritto e diretto da Pietro Babina, Alla voragine (Là dov’è l’ingresso, è anche l’uscita).

Un testo recitato al Teatro Arena del Sole

Dal martedì al venerdì alle ore 20.30 e il sabato e la domenica alle ore 18.30, presso il Teatro dell’Arena del Sole, in via Indipendenza 44, andrà in scena la nuova opera di Pietro Babina, che dialogherà con Tamara Balducci, in Alla Voragine (Là dov’è l’ingresso, è anche l’uscita).

Ai nostri microfoni Pietro Babina racconta di come questo spettacolo sia nato parecchio tempo fa, in quanto avrebbe dovuto debuttare prima della pandemia, e che finalmente ora trova lo spazio giusto per farlo.
Quello che Babina mette in scena, dialogando con Tamara Balducci, non è uno spettacolo introspettivo, come si potrebbe pensare a prima vista dal titolo dell’opera: Babina sottolinea che esso «lo è nel tema, ma non lo è nella forma».
Il racconto che viene messo in scena, è dinamico, pieno di eventi e di cose che accadono, non è un dialogo statico; inoltre il ritmo è molto serrato, e richiama continuamente l’attenzione dello spettatore.

L’autore di questo spettacolo si interroga sul fatto che di fronte alla fine di un ciclo, si deve avere il coraggio di chiudere e riaprire un nuovo ciclo: ci si deve rendere conto che alcune cose finiscono, che non funzionano più come prima, e diventa necessario che una parte di questo tutto muoia, per continuare a vivere e rinascere.

ASCOLTA L’INTERVISTA A PIETRO BABINA:

Articolo precedenteEcoreati in aumento, in Emilia-Romagna sono quasi il doppio di due anni fa
Articolo successivoCaos Open Day, nel certificato sanitario il vaccino sbagliato