In occasione del viaggio in Italia di Hebe de Bonafini, Presidente dell’Associazione, e proseguendo una lunga tradizione di incontri, avrà luogo un incontro sui temi della memoria fertile e sulla attualità fatta di lotte per la costruzione di una società argentina che concretizzi gli ideali di libertà e giustizia dei loro figli desaparecidos.

Interverranno:
Letizia Bianchi, Renato Di Nicola, Raffaella Lamberti, Tullio Monini, Aldara Perez Paredes e quanti vorranno interloquire con lei.
Chiude la serata la Banda Roncati. Quest’anno, in occasione dell’8 marzo, vogliamo ricordare la vicenda di uno straordinario gruppo di donne argentine, le Madres di Plaza de Mayo.
Dopo la dura lotta, negli anni ’70, contro la dittatura argentina che aveva fatto dei loro figli dei desaparecidos, queste Madri, che hanno oggi dagli 80 anni in su, continuano a lottare per gli ideali di giustizia sociale e di libertà per cui i loro figli e figlie sono stati fatti sparire. La loro memoria di questi avvenimenti è una memoria fertile, che ha prodotto in loro e negli altri forza e voglia di lottare. Una memoria che chiede azione, coraggio, non monumenti sterili, non parole a vuoto, niente celebrazioni, niente lapidi.
Le Madri hanno aperto a Buenos Aires una libreria, un’università popolare, una radio, una cooperativa di costruzione di abitazioni. Presso la loro sede si è svolto l’anno scorso il primo incontro della Gioventù latino-americana.

Ai microfoni di Radio Città Fujiko Letizia Bianchi, sociologa, femminista e scrittrice, ci racconta queste donne straordinarie e il loro invito a non sperare soltanto ma ad agire, a capire che le uniche lotte che si perdono sono quelle che non si incominciano, quelle che si abbandonano.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61