Alla sua 36esima edizione, dal 25 al 28 luglio, il Porretta Soul Festival torna ad animare la località dell’appennino bolognese. Ideatore del festival è Graziano Uliani, direttore artistico e fondatore, che, tramite l’associazione culturale Sweet Soul Music, promuove la conoscenza della musica Soul. Dall’attività dell’associazione nasce la prima edizione del Porretta Soul Festival, nel 1988. Nonostante la prima edizione fosse nata come un evento «una tantum perché quell’anno convinsi Arbore a prendere Solomon Burke, e successivamente Rufus Thomas e i The Memphis Horns, per cui i viaggi erano pagati e riuscii ad organizzare questa prima edizione – racconta Uliani – poi ci ho preso gusto. Tra l’associazione Sweet Soul Music e l’uscita dell’album di Zucchero Blue’s, in cui partecipano i The Memphis Horns, nacque questo sodalizio con la città di Memphis», per convenzione culla dell’intera musica roots, blues, soul e rock del Nord America.

Nel corso degli anni il festival è cresciuto e ha assunto dimensioni di prestigio e notorietà tali da renderlo il più importante appuntamento europeo dedicato alla musica Soul e Rhythm & Blues. In oltre trent’anni da Porretta sono passati i più bei nomi del Soul, molti di questi giunti appositamente per la prima volta in Europa.
A rendere Porretta la degna controparte di Memphis contribuiscono anche una serie di murales tematici presenti sulle facciate delle case.

La 36^ edizione del Porretta Soul Festival

L’edizione 2024 consolida il legame fra il Porretta Soul Festival e la città di Memphis: la Memphis Music Hall of Fame Band, diretta da Kurt Clayton, sarà l’house band del festival. Una band è stata creata per onorare e celebrare i grandi artisti che sono stati introdotti nella Memphis Music Hall of Fame, molti dei quali hanno contribuito in modo significativo alla musica di Memphis e alla storia della musica in generale.
Tra gli ospiti anche Wendy Moten, che presta il suo volto al manifesto del festival, che ha riscosso un grande successo in America nel 2021 grazie al programma The Voice.
Della nuova generazione del Soul sarà presente Gerald Richardson, Jonathan Ellison, Jerome Chism, Alabama Mike & Soul Shot.

Infine, «interessante per le nuove generazioni è la presenza di Andrew Strong, cantante dei The Commitments e protagonista dell’omonimo film diretto da Alan Parker The Commitments, interpretato dallo stesso Strong – aggiunge Uliani – e la Bluesmobile originale dei Blues Brothers: grazie ad un ingegnere che lavora al CERN di Ginevra e che arriverà e resterà al festival tutta la settimana, la Bluesmobile sarà a disposizione di chi volesse farci un giro».
Dal 25 al 28 luglio, nel centro storico di Porretta Terme, le giornate della 36esima edizione del Porretta Soul Festival si apriranno con concerti gratuiti di band rhythm & blues a partire dalle 11 del mattino fino ai concerti a pagamento dalle 20.

ASCOLTA L’INTERVISTA A GRAZIANO ULIANI:

Anna Cesari