E’ stato presentato oggi quello che si annuncia come il grande evento del Capodanno bolognese. Ovvero l’altro polo del Capodanno di massa oltre a Piazza Maggiore. Si chiama Genesi Festival.

Genesi Festival sarà organizzato alla Fiera – dove occuperà ben quattro padiglioni (21, 22, 25 e 26) – dalla società con base a Rimini recentemente costituitasi con il nome “Zero Production”. Un nuovo concept, almeno per Bologna, destinato a durare e svilupparsi nel tempo, certo non meno di tre anni, ovvero il periodo di durata dell’attuale contratto stipulato con l’Ente Fiera.

Non partono però da zero gli organizzatori, tutte persone che da anni lavorano nel mondo della musica notturna e delle discoteche, ma il concetto più volte ribadito in sede di conferenza stampa è stato “questo non è un festival di musica elettronica così come si è abituati a pensarlo, ma una festa per tutti, dai 16 anni all’infinito“.

La musica elettronica è comunque destinata ad essere inevitabilmente protagonista, seppur di tutti i tipi e di tutte le epoche. L’elemento di punta delle tante collaborazioni previste è quello con il famoso club di Ibiza Pacha che promette di portare “il vero spirito ibizenco a Bologna” con il Pacha Ibiza On Tour Show (unica data europea). Genesi ingloberà anche il capodanno del nostrano Link, che sarà chiuso nella sua sede abituale, per curare la programmazione della vip area al piano rialzato, dove prima si terrà anche il canonico cenone, con una capacità di 600 coperti, accompagnato dalla “macchina parlante”, un dj-set fatto con grammofoni dagli anni ’20 agli anni ’50. Sarà inoltre presente anche il noto studio di registrazione bolognese Fonoprint, attivo anche nel mondo della produzione con artisti propri, che propone la performance live di Tekla, una giovane artista scoperta proprio da Fonoprint. Un’altra realtà che parteciperà alla realizzazione di questo mega-evento è il Circo Nero, un circo notturno senza animali ma con giocolieri, acrobati e performers. Tutti i dettagli si trovano sul sito www.genesifestival.it, ma per chiudere la panoramica ecco alcuni numeri: 250.000 watt, 40 ballerine, 20 performers, 40.000 mq, 5000 parcheggi, 12 bar, 1 street food area (per chi non desidera partecipare al cenone, che non è obbligatorio) e 1 ristorante. E’ attesa una partecipazione di oltre 15.000 persone.

Uno stuolo di PR si muoverà per promuovere l’evento e vendere i biglietti il cui prezzo è comunque del tutto abbordabile: 25 euro se acquistato tra il 15 e il 25 novembre, 34 euro la prevendita successiva, inclusa una consumazione di benvenuto, e 89 euro con cenone, accesso a vip area e parcheggio. 

Qui la nostra intervista a Michele Casetti, uno degli organizzatori, che dà anche alcune anticipazioni sugli ospiti previsti. 

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61