Un libro illustrato, da cui nel 2009 viene estratto un cortometraggio d’animazione, che diventa un film di grande successo, e che adesso è diventato anche un musical, un family-show che andrà in scena al Celebrazioni domenica 15 maggio alle ore 18.

Ne abbiamo parlato con Stefano Colli, cantante e attore bolognese che nello spettacolo impersonerà proprio il Gruffalò, questo mostro spaventoso e simpatico nello stesso tempo.

Un musical che è un “riadattamento allargato” della celebre storia di letteratura per l’infanzia

Stefano ci ha spiegato come la fondazione Aida (produttrice del musical) abbia effettuato un riadattamento completamente nuovo della storia originale. Con la regia di Manuel Renga e le musiche di Patrizio  Maria d’Artista,  la trama originale è stata infarcita di nuovi aspetti narrativi e tematici, come ad esempio quello dell’ecologia. Per darci un’idea, Stefano ha sintetizzato dicendo che gli appassionati del libro ritroveranno il libro che hanno amato, ma troveranno anche molto di più.

Un lavoro in grande stile, pensato come intrattenimento per famiglie, ma che non ha nulla da invidiare alle grandi produzioni in ambito musical. Come giustamente ha sottolineato Stefano, il risultato finale di un musical come questo è la leggerezza di attori che cantano-ballano-recitano e divertono, in un’atmosfera sempre brillante e di coinvolgimento, ma per giungere a questo risultato c’è un lavoro di equipe molto complesso, faticoso e meticoloso.

Appuntamento quindi alle 18 di domenica 15 maggio al Teatro Celebrazioni, in via Saragozza a Bologna,  per la versione italiana di questo capolavoro di letteratura per l’infanzia.

Sergio Fanti

ASCOLTA L’INTERVISTA A STEFANO COLLI:

Articolo precedenteIl Ddl Zan torna al Senato, a Bologna gli Stati Genderali lgbtq
Articolo successivoEducatori in fuga