Clothes Swap Party è un’iniziativa che promuove la moda second hand, interamente pensata e organizzata dai ragazzi di ParolAperta, un megafono generazionale per la libertà di espressione. L’evento si terrà giovedì 27 ottobre dalle 18 alle 02 presso l’Officina Bistrot del DumBo, a Bologna. Un’opportunità per scambiare oggetti come libri, vestiti o accessori che non si usano più, oltre che per partecipare a dibattiti sul tema del vintage e del fast fashion, bere e ascoltare dj set live.

Vintage è anche divertimento: i dettagli della festa-evento

L’iniziativa è firmata “ParolaAperta”, un gruppo di circa 50 ragazzi che la fondatrice Stefania Caruso definisce ai nostri microfoni «una piattaforma che vuole consentire la libera espressione a tutti i giovani della nostra generazione», e che da tempo si interessano a temi come sostenibilità, moda etica ed economia circolare, producendo vari contenuti che si possono trovare sui loro canali social e sul blog “ParolAperta – ilnongiornale”. L’idea è stata quella di portare sul piano concreto le tematiche trattate via social, proprio con il Clothes Swap Party, che propongono come «alternativa al fast fashion più sostenibile e più economica».

Il cuore dell’evento sarà lo scambio di vestiti, libri e accessori che non si usano più, in cambio dei quali verranno dati dei token divisi per categoria, utilizzabili per poter acquistare altri oggetti portati dai partecipanti, a costo zero. Un vero e proprio baratto per dare una seconda vita alle nostre cose.
Oltre allo “swap” ci sarà «una vera e propria festa», anticipa Stefania, aggiungendo: «vogliamo che la moda green e la sostenibilità siano anche divertenti»; quindi seguirà una sfilata concettuale second hand organizzata da tre studentesse di moda dello Ied di Milano, e successivamente uno spazio dedicato ai talks insieme a Francesca di “And Circular” e Arianna di “Miucciami”, negozi di abbigliamento second hand, che porteranno un esempio pratico di tradizione vintage e parleranno di e-commerce sostenibile.
Ad una festa non possono di certo mancare buona musica e drinks; quindi, la serata proseguirà con una line up live di musica elettronica e tecno, e con i cocktails preparati dal personale di Officina Bistrot del DumBo. L’ingresso è gratuito.

ASCOLTA L’INTERVISTA A STEFANIA CARUSO:

Articolo precedente“The blocks”, il romanzo che esce dalla periferia di Dublino per raccontare la working class
Articolo successivo“Ghibli” il vento caldo del deserto soffia per il nuovo album dei Savana Funk