“No all’investimento di Hera sul carbone”. Dopo la presa di posizione del sindaco di Forlì Balzani, l’associazione ambientalista chiede a Merola di schierarsi contro al progetto della multiutility per la realizzazione di una centrale a carbone a Saline Joniche, in provincia di Reggio Calabria.

La centrale a carbone di Tirreno Power a Vado Ligure è appena stata chiusa a causa dell’inquinamento e dei problemi alla salute che ha provocato, mentre Hera, la multiutility regionale dei servizi ambientali, decide di investire sul progetto di costruzione di una centrale a carbone in provincia di Reggio Calabria.
Per opporsi al progetto, le associazioni ambientaliste hanno chiesto ai sindaci della regione di prendere posizione.

Il progetto. Hera partecipa con il 20% del capitale al consorzio Sei, costituito nel 2007 per il progetto di costruzione di una centrale a carbone a Saline Joniche, in provincia di Reggio Calabria. Del progetto fa parte anche la svizzera Repower con il 57,5%, anche se un recente referendum popolare ha chiesto all’azienda di abbandonare il progetto.
Le centrali a carbone sono considerate le fonti più inquinanti di produzione energetica, dei veri e propri “killer del clima”, ma in Italia non è mai cominciata una vera e propria riconversione.

L’appello. Le associazioni ambientaliste hanno chiamato in causa direttamente i sindaci dell’Emilia Romagna che, in qualità di azionisti di maggioranza nella multiutility, hanno il dovere di indirizzarne le scelte e il potere di fermare il progetto. “Non ha senso – osserva Lorenzo Frattini, presidente regionale di Legambiente – che le singole Amministrazioni predispongano misure di contrasto alla Co2, mentre si avvalla un progetto del genere”.

Le risposte. Il primo a rispondere all’appello delle associazioni è stato Roberto Balzani, sindaco Pd di Forlì, che si è schierato contro il carbone. Ora Legambiente chiede che anche il primo cittadino di Bologna, Virginio Merola, prenda pubblicamente posizione contro il progetto di Hera, chiedendo che la multiutility lo abbandoni.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”