La playlist dell’appuntamento settimanale con Fried Chicken, condotto dai Sons Of Trojan (Edo e Tommy) in diretta dal motel Lorraine di Memphis.Ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1967!

Edo e Tommy la scorsa estate non essendo stati assunti al Bagno 103 ad Orange Beach dai ragazzi di Radio Città Fujiko per ovvi motivi di incompetenza lavorativa, si son rivolti al loro amico Gino che lavora a Memphis ed è proprio grazie a lui che hanno trovato un lavoro al motel Lorraine come custodi, bagnini, camerieri, tutto fare e soprattutto cuochi. 
Tra un ala e un petto di pollo da friggere Edo e Tommy suonano anche qualche disco per deliziare gli ospiti del motel e soprattutto gli artisti della Stax Records che spesso vengono lì a riposarsi (si fa per dire) dopo le loro lunghe sessioni di registrazione.
Con il prode aiuto di Sly Stone e delle sue fattanze i due riescono a venire a conoscenza, nel 1967, di tutta la musica futura per poter fornire al loro pubblico 1 ora di grandi classici e di assolute novità.
Fried Chicken, ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1967!

In Italia continua ad esserci un botto di neve mentre nella nostra adottiva Memphis si sta benissimo anche a febbraio!
The Impressions – Keep On Pushin’ – ABC Paramount (1964)
The Spinners – I’ll Always Love You – Motown (1965)
Freda Payne – Unhooked Generation – Invictus (1966)
Freddie Scott – Are You Lonely For Me – Shout Records (1966)
Smokey Robinson & The Miracles – If You Can Want – Tamla (1968)
Hudson County – Bim Sala Bim – RCA (1975)
The Four Tops – It’s The Same Old Song – Motown (1965)
Syl Johnson – Different Strokes – Twilight (1967)
The Temptations – Cloud Nine – Gordy (1968)
Detroit City Limits – Ninety Eight Cents Plus Tax – Okeh (1968)
Archie Bell – I Can’t Stop Dancin’ – Atlantic (1968)
Ray Sharp & The Soul Set – Earthquake – Sock & Soul (1968)

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”