Da Phil Anselmo a Iggy Pop. Dagli AC/DC a Steven Tyler. Queste le news di oggi.

In apertura, una notizia dall’Italia. Durante Maggio 2014 RAI decise di recidere l’accordo con YouTube, deciso dall’allora direttore Luigi Gubitosi, il quale, insoddisfatto dalle inserzioni pubblicitarie del colosso di Google, propose un accordo secondo il qual sarebbe stata la televisione pubblica a scegliere prezzario, inserzionisti e contenuti. Ovviamente, YouTube rifiutò, e gli oltre 400’000 video di repertorio dell RAI furono rimossi dalla piattaforma. Secondo l’attuale segretario alla commissione di vigilanza della RAI Michele Anzaldi, da allora la TV pubblica ha perso oltre un milione di euro. Ancora una volta la televisione pubblica si è dimostrata incapace di comunicare a un pubblico giovane.

Andiamo all’estero. Phil Anselmo fa parlare di sè all’evento annuale in ricordo di Dimebag Darrell, storico chitarrista dei Pantera assassinato da un fan durante un concerto. Il frontman della band texana, durante l’evento annuale in memoria del musicista, ha infatti urlato “potere bianco!” facendo il saluto nazista. Ricordiamo che il concerto si è tenuto ieri, nella Giornata della Memoria. Il video della “performance”, avvenuta durante il brano “Walk”, è stato postato su YouTube dall’utente Chris R. Anselmo stesso ha risposto nella sezione commenti del video, attraverso il canale Housecore Records, giustificando il proprio infelice gesto. “Ok gente, non negherò di averlo fatto, ma cavolo, stavo scherzando” ha scritto “nessuna scusa da parte mia.” Non è la prima volta che il frontman dei Pantera viene accusato di razzismo, in particolare nel ’95 in cui si lanciò in un monologo sull’orgoglio bianco durante un live.

Passiamo alla musica dal vivo. Negli scorsi giorni vi abbiamo parlato molto del nuovo album #PostPopDepression di Iggy Pop. Ora, l’annuncio di un nuovo tour che partirà a Marzo, con una line up di tutto rispetto: Josh Homme, Dean Fertita e Troy Van Leeuwen dei Queens of the Stone Age e Matt Helders degli Arctic Monkeys, oltre al tournista Matt Sweney.
La band ha affermato che non suoneranno più insieme dopo questa occasione, spaziando dall’album in uscita a canzoni di Iggy solista. I biglietti verranno venduti a partire dal 30 Gennaio. Le tappe europee per ora sono in Svezia, Danimarca, Germania, Olanda, Regno Unito e la non così lontana Parigi.

Gli AC/DC, nel loro nuovo tour, hanno dichiarato guerra ai venditori di merchandise contraffatto. Secondo TMZ, la band australiana avrebbe intentato una causa, mandando poliziotti alle tappe dei loro tour per confiscare le magliette false e arrestare i contraffattori. Il primo concerto sarà a Tacoma, nello stato di Washington. Il gruppo avrebbe venduto più biglietti di ogni altro artista contemporaneo in tour. Con più di due milioni e 300’000 presenze gli AC/DC hanno superato Taylor Swift di circa 180 milioni di dollari.

Steven Tyler, apparso nello show di Howard Stern, ha affermato di aver ricoperto un ruolo chiave nella reunion dei Guns ‘n’ Roses. Dopo averlo incontrato in diversi locali negli anni passati gli avrebbe detto “Avete bisogno di tornare insieme presto, voi mancate a tutti”. Stanotte, l’account twitter ufficiale dei Guns ha tweetato un messaggio “I G ‘n’ R vorrebbero ringraziare le persone che si prendono il merito per i nostri show futuri. Specialmente quelli a cui non abbiamo parlato diversi anni fa che, attraverso il potere dei media, hanno in qualche modo giocato un ruolo decisivo, anche se inesistente. Noi, e i fan vi ringraziamo!“.

Voltiamo pagina. Ieri vi abbiamo parlato dell’impegno politico dei Vampire Weekend, i quali hanno dichiarato di sostenere il candidato alla presidenza Bernie Sanders. Anche i Red Hot Chili Peppers hanno deciso di mostrargli il proprio sostegno, decidendo di indire un concerto a Los Angeles con lo scopo di raccogliere fondi per il democratico. Tutti e quattro i Red Hot hanno pubblicamente spalleggiato Sanders nel Settembre 2015, firmando una lettera pubblicata anche sul sito del politico, che si fa vanto di aver sempre rifiutato aiuti finanziari da multinazionali e grandi compagnie. I biglietti saranno messi in vendita il giorno del concerto, al prezzo da 30$ a 2700. La band californiana è al lavoro sul nuovo album dopo ben 5 anni dall’ultimo lavoro, “I’m with you”.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61