I tiristori sono degli strumenti che hanno delle specificità molto particolari, realizzati con dei semiconduttori a quattro differenti strati. Il loro utilizzo influisce anche sulla denominazione del dispositivo e per questo vengono spesso chiamati anche “raddrizzatori controllati al silicio“. Nello specifico i tiristori SCR, spesso definiti anche diodi SCR, alla vista sono simili ad un classico interruttore statico. Anche l’utilizzo dei tiristori risulta particolarmente rapido e semplice, motivo per cui questi strumenti sono usati anche per controllare grandi quantità di potenza.


In generale infatti con i tiristori vengono verificate e gestite anche le velocità dei motori che operano in corrente continua e questo rappresenta un ambito di utilizzo molto importante e frequente. Si tratta di strumenti che possono essere costituiti di solito da tre elettrodi (anodo, catodo e gate), nei quali l’anodo è sempre posto al terminale positivo e il catodo al terminale negativo. Il gate è invece un terminale di verifica che agisce nel momento in cui la tensione attraversa l’anodo.

Caratteristiche dei tiristori

È bene sottolineare che i conduttori a 4 strati tiristore scr vengono prodotti con l’unione di materiali di tipo negativo e positivo che vengono disposti tra loro in maniera alternata in modo da realizzare un circuito di blocco. L’attivazione dello strumento avviene poi sempre tramite il gate, mentre lo spegnimento si verifica nel momento in cui la corrente presente ai capi dell’anodo e del catodo si riduce a zero.
In commercio esistono varie tipologie di tiristori, come ad esempio quelli di tipo GTO, ovvero i tiristori di potenza, i modelli al silicio (SCR) che hanno lo scopo di funzionare come interruttori (sia con piccole che con grandi potenze) o gli interruttori al silicio (SCS)
che svolgono la stessa funzione ma prevedono un sistema diverso di spegnimento.
Vi sono poi anche i TRIAC ovvero i tiristori bidirezionali che possono agire sia sulla corrente continua che su quella alternata e che prevedono l’utilizzo di un modulo di comando. I diodi a quattro strati hanno di solito due pin che regolano l’accensione lo spegnimento del circuito.
Il funzionamento dei tiristori a quattro strati è simile a quello del DIAC, un altro dispositivo a quattro strati che può condurre la corrente elettrica in entrambe le direzioni in CA e CC. I tiristori sono molto importanti e utilizzati in diverse tipologie di motore, nei sistemi che prevedono un controllo dell’unità di misura relativa alla pressione e nei regolatori dei livelli di differenti liquidi.

Come scegliere un tiristore

Per prima cosa al fine di selezionare uno strumento di buona qualità è importante individuare un canale di vendita affidabile e in possesso di tutti i requisiti specifici previsti dalla normativa vigente. Dopo di che, navigando all’interno del catalogo è necessario individuare il modello che si adatta meglio alle proprie necessità. Inoltre vi sono poi alcuni fattori tecnici importanti da prendere in considerazione che devono essere analizzati alla luce del circuito in cui il tiristore verrà istallato. Alcuni di questi sono ad esempio:

Il picco ripetitivo di tensione inversa; Sovracorrente nominale; Tipo di montaggio; Tensione di gate trigger minima e massima.; Temperature di esercizio; Scheda tecnica del prodotto.

Il picco ripetitivo di tensione inversa è un valore espresso in V e solitamente superiore a 1000V, mentre la sovracorrente nominale è invece leggibile in A (ampere). La modalità di montaggio più frequente, e forse anche la più semplice da utilizzare, è quella che prevede la
presenza di una filettatura. Valutare la corrente minima e massima supportata dal gate permette inoltre di assicurarsi che lo strumento sia idoneo a supportare la mole di lavoro per cui viene acquistato, mentre le temperature di esercizio consentono di capire se uno
strumento è adatto per essere collocato in un determinato ambiente.

Infine è molto importante prendere in considerazione la scheda prodotto nella sua interezza, valutando anche l’immagine del prodotto. In questo modo risulterà più facile capire se un tiristore è in grado di soddisfare le esigenze tecniche per cui viene ricercato. Di conseguenza è importante selezionare un canale di vendita che, oltre ad una buona qualità prezzo, presenti anche una buona esposizione dei prodotti e dei differenti requisiti tecnici che questi sono in grado di soddisfare.



Articolo precedenteQuer pasticciaccio brutto de l’appalto de Casalecchio…
Articolo successivoL’Otello sospeso di Gabriele Lavia