“E’ stato un piacere immenso ed un onore comporre un concerto per uno dei più grandi, vitali divulgatori del nostro tempo, Yo-Yo Ma. Mi ha ispirato enormemente il fatto che la sua tecnica non conosca limiti. Ma forse è persino più importante che nemmeno la sua immaginazione ne conosca.” Ed ancora: “Ho immaginato la linea del violoncello come la traiettoria d’un oggetto che si muove nello spazio, a sua volta seguita ed emulata da altre linee, ossia strumenti, ovvero altri oggetti che si muovono a loro volta.” E poi: “Dopo tutto, tutti questi simboli scritti sulla carta, non significano alcunchè, perlomeno fino a quando qualcuno non decida di dargli vita.” Così dichiara, nelle note del libretto del cd, l’autore della musica oggetto della puntata di giovedì 17 febbraio.

Il concerto per violoncello ed orchestra del compositore e direttore d’orchestra finlandese Esa-Pekka Salonen (1958), in 3 movimenti senza indicazione di tempo, venne composto in massima parte durante l’estate del 2015 e terminato un paio d’anni dopo, ispirato dalle seguenti parole di Nietzsche, tratte da “Così parlò Zaratustra”: “Tu hai reso pericolosa la tua vocazione; ma non vi è alcunchè di spregevole in ciò.” La prima assoluta si ebbe il 15 marzo 2017, con lo stesso Yo-Yo Ma e l’Orchestra Sinfonica di Chicago, diretta dall’autore. L’autore concepì questo lavoro più come creazione fisica, piuttosto che in termini di pura forma musicale, ovvero come “un pensiero elementare che emerge da un panorama complesso”.

Questo concerto, dal carattere prevalentemente elegiaco, intimistico, onirico ed atmosferico (che mi ha fatto pensare parecchio, sia pure con le dovute differenze stilistiche, all’analogo capolavoro elgariano), anche se con un ultimo movimento dal mordente senz’altro più vivace (pur con una coda che si dissolve in un pianissimo), vi viene proposto nella registrazione dal vivo della prima losangelina, avvenuta con i medesimi solista e direttore della prima assoluta, ma con l’apporto della locale orchestra filarmonica, alla Walt Disney Concert Hall, l’8 febbraio 2018, uscita in disco (pure in vinile che costava un’ostia, per gli aficionado) per la Sony Classical.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, su Radio Città Fujiko, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —-

Articolo precedentePlay list Puntata n. 7 di Domenica 13 Febbraio 2022
Articolo successivoEutanasia, la bocciatura del referendum richiama in causa la politica