Prosegue il ciclo di incontri proposto dal collettivo La MALA educación intitolato “Imparare a trasgredire: saperi transfemministi verso lotto marzo”.

La MALA educación e il ciclo di incontri per imparare a trasgredire

La MALA educación è un gruppo costituito da studentesse e studenti che si trovano a vivere e confrontarsi in ambienti scolastici e universitari che perpetuano stereotipi di genere e diffondono una struttura patriarcale dei saperi, della famiglia, del lavoro e della società.

Nelle giornate di avvicinamento all’International Women’s Strike dell’8 marzo (Sciopero femminista globale), lanciato da Non Una di Meno, l’intenzione di La MALA educación è quella di superare una formazione patriarcale, dimostrando, attraverso lezioni, incontri e seminari, che esiste una didattica in grado di rileggere ogni disciplina sotto la lente di genere.

Proprio per questo motivo, come afferma ai nostri microfoni Silvia Mazzaglia di La MALA educación, il collettivo ha organizzato un ciclo di incontri che si pone l’obiettivo di costruire, attraverso il dialogo, una società transfemminista ed egualitaria, partendo soprattutto dall’università quale luogo di formazione, di incontro e di confronto verso una visione più equilibrata dal punto di vista della parità di genere.

Silvia Mazzaglia spiega poi che il ciclo di seminari proseguirà fino al 6 marzo, e ciascun incontro sarà caratterizzato da interventi di vari ospiti riguardo differenti tematiche: il 3 marzo si terrà la presentazione del libro di Angela Balzano “Per farla finita con la famiglia. Dall’aborto alle parentele postumane”, il 4 marzo si tratterà il tema della violenza digitale e il revenge porn, e il 6 marzo sarà l’ultimo incontro con Laura Fontanella, autrice del libro “Il corpo del testo. Elementi di traduzione transfemminista queer”. Il 7 marzo ci sarà invece un incontro extra, con le ospiti Antonella Picchio e Beatrice Busi, per parlare di riproduzione sociale e lavoro di cura in tempi pandemici.

Gli incontri, tutti alle ore 19, verranno trasmessi in diretta streaming sulla pagina Facebook di La MALA educación. Sarà poi possibile rivedere gli incontri sul blog della MALA educación.

Marta Baldi

ASCOLTA L’INTERVISTA A SILVIA MAZZAGLIA:

Articolo precedenteRecovery Fund: la moratoria sul codice appalti sarebbe un regalo alle mafie
Articolo successivoUn tocco di classico / Ciclicamente classicheggiando.