Dopo un silenzio durato ben dodici anni, gli amanti dei King of Convenience possono iniziare a scalpitare. È infatti uscito “Rocky trail”, il nuovo singolo della band norvegese, che anticipa l’album “Peace or love” in arrivo il 18 luglio con la promessa di tre date in Italia, tra cui anche una a Bologna.

Kings of Convenience, il singolo che annuncia il nuovo album

Le note calme di “Rocky Trail”, tipiche dei Kings of Convenience e che ricordano molto quelle di “Misread”, ci portano in uno spazio onirico e rilassante. “Peace or Love’, che uscirà con l’etichetta Polydor Records è stato registrato per cinque anni in cinque diverse città, «è il sound di due vecchi amici che esplorano l’ultima fase della loro vita insieme e che trovano nuovi modi di catturare quella magia sfuggente. L’album suona fresco come la primavera: 11 canzoni sull’amore e la vita, con la bellezza seducente e la purezza emotiva che ti aspetteresti dai Kings of Convenience» anticipa la Dna concerti.

GUARDA IL VIDEO DI “ROCKY TRAIL”:

Questo album esce 12 anni dopo “Declaration of Indipendence” che conteneva il fortunato singolo Mrs.Cold ed è il quarto album in studio di Erlend Øye e Eirik Glambek Bøe. La connessione del duo con il nostro paese è forte, infatti, Erlend vive da otto anni a Siracusa, in Sicilia, dove nel 2018 insieme a tre musicisti siracusani dà vita al progetto La comitiva.

Dopo cinque anni, il duo norvegese tornerà sui palcoscenici italiani con 3 date: il 26 ottobre a Catania al Teatro Metropolitan, il 30 ottobre a Bologna al Teatro Manzoni, il 1° novembre a Milano al Teatro degli Arcimboldi. Sarà possibile acquistare le prevendite su Tiketone dal 7 maggio a capienza ridotta. Anche se la voglia di ripartire è tanta gli organizzatori sono cauti; vista l’incertezza del momento l’assegnazione del posto verrà comunicata in prossimità dei concerti in base alle disposizioni governative che saranno i vigore.

Manuela Bassi

Articolo precedenteLe adozioni a rischio di figli di donne migranti vittime di tratta
Articolo successivoLa seggiovia di Corno alle Scale che spacca la maggioranza