Torna come ogni venerdì All You Need is Ska, l’appuntamento settimanale con il meglio della musica Ska mondiale! Tappa di questa puntata è New York, con due grandissime band di questa città: i New York Ska-Jazz Ensemble e i The Toasters.

La settimana scorsa avevamo lasciato Peter e Checco al caldo delle assolate spiagge californiane e delle sonorità Ska-Punk di quei lidi. Dopo una settimana i due skapestrati si sono spostati dall’altra parte dell’America, nell’East Coast, New York City per l’esattezza, terra di jazzisti e improvvisatori. E’ proprio il Jazz che che si infilerà prepotentemente nello Ska nella prima parte della puntata, dedicata alla New York Ska-Jazz Ensamble, side band dei più skankeggianti The Toasters, protagonisti invece della seconda parte.

Nel 1994, il sassofonista dei The Toaster, Freddie “RockSteady” Reiter, decide di creare questo gruppo con una forte componente jazz da affiancare ai ritmi in levare della seconda e terza ondata di Ska, esplosa in quegli anni proprio in America. Da allora i NYSKE hanno all’attivo 9 album in cui lo Ska si mischia e alterna non solo al jazz ma anche al Reggae e a una forte componente di improvvisazione soprattutto durante i moltissimi live che li vedono protagonisti in tutto il mondo.

Nella seconda parte del programma ascolterete invece uno dei gruppi più longevi della Third Wave of Ska, proprio i The Toaster citati poco sopra, uno tra i primi gruppi a portare lo Ska e il 2-Tone in America. Ascolteremo la loro evoluzione musicale, come la loro musica negli anni è cambiata e come loro hanno cambiato un po’ gli States!

Stay Tuned, Stay Skanking!

1) New York Ska-Jazz Ensemble – I mean you

2) New York Ska-Jazz Ensemble – Bob Barker

3) New York Ska-Jazz Ensemble – Walkin’

4) New York Ska-Jazz Ensemble – Nasty by nature

5) New York Ska-Jazz Ensemble – Kansas City

6) The Toasters – Talk is cheap

7) The Toasters – Johnny go Ska

8) The Toasters – 2-Tone army

9) The Toasters – Don’t let the bastards grind your down

10) The Toasters – Enemy of the system

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61